/ Attualità

Attualità | 17 ottobre 2019, 07:34

Sabato 19 ottobre a Cuneo si inaugura l'alloggio "per famiglie in vulnerabilità abitativa"

Sono persone che, pur potendo contare su di un reddito da lavoro o su una pensione, non possono, da un lato, accedere all’edilizia residenziale pubblica

Sabato 19 ottobre a Cuneo si inaugura l'alloggio "per famiglie in vulnerabilità abitativa"

 Da qualche anno, anche a Cuneo l’area dell’esclusione abitativa ha subito profonde trasformazioni: l’emergere di nuove domande di abitazione, determinate dalla comparsa di nuove estese aree di vulnerabilità sociale, necessitano oggi di nuove risposte e nuovi interventi. Il disagio si è ampliato, differenziandosi significativamente al suo interno e la dimensione economica non è più la sola componente capace di determinare situazioni di esclusione.

La povertà abitativa non è più limitata alla domanda di chi non ha un’abitazione in cui vivere, ma riguarda in misura sempre maggiore chi ha una casa e paga, con crescente difficoltà, il canone di affitto o la rata del mutuo. Si tratta di persone che, pur potendo contare su di un reddito da lavoro o su una pensione, non possono, da un lato, accedere all’edilizia residenziale pubblica e, contemporaneamente, non possono far fronte ai canoni di locazione di mercato o alla spesa per il rimborso della rata del mutuo. In questa “fascia grigia” di popolazione si trovano persone sole, nuclei familiari monogenitori e giovani coppie, giovani ed anziani soli, studenti e lavoratori precari migrati: soggetti, dunque, che si trovano a fronteggiare situazioni di precarietà, anche temporanea, relativa a lavoro, situazione familiare o rete di relazioni sociali e per i quali la questione abitativa rappresenta al contempo un freno alla definizione dei propri progetti di vita (relativi al lavoro, all’autonomia dalla famiglia di origine, alla costruzione di una nuova famiglia); un grave rischio sociale, laddove si venga a rompere il precario equilibrio raggiunto (sfratto, una separazione familiare, fine di una coabitazione,..).

Per tali motivi, e a due anni dall’inaugurazione di Crocevia46, continua l’impegno della Caritas Diocesana di Cuneo, sul fronte delle risposte all’abitare: sabato 19 ottobre 2019 alle ore 14,30 nei locali adiacenti alla Parrocchia di San Pietro del Gallo si terrà l’inaugurazione di una nuova unità abitativa realizzata grazie al contributo della Fondazione CRC, del Comune di Cuneo e della Caritas Diocesana di Cuneo. L’alloggio, di proprietà della Parrocchia di San Pietro del Gallo, è stato concesso in comodato d’uso gratuito, alla Caritas Diocesana di Cuneo e sarà destinato ad ospitare una famiglia in vulnerabilità abitativa.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium