/ Attualità

Attualità | 18 ottobre 2019, 11:12

Turismo, Franco Graglia: "Mi impegno per realizzare un distretto piemontese che riunisca i siti UNESCO"

"E’ un nuovo modello per impiegare al meglio tutte le risorse, capace, ne siamo convinti, di dar vita a una comunità connessa, a misura d’uomo e di ambiente. Il protocollo servirà per avviare una dettagliata analisi territoriale che traccia le linee di una proposta operativa"

Turismo, Franco Graglia: "Mi impegno per realizzare un distretto piemontese che riunisca i siti UNESCO"

Abbiamo presentato a Palazzo Lascaris come Presidenza del Consiglio regionale una ricerca,  a cura del dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino e della Consulta regionale europea, per mettere a sistema i cinque siti dell’Unesco in Piemonte secondo la metodologia dell'Approccio sistematico e della Blue Economy".

Ad affermarlo il vicepresidente del Consiglio regionale di Forza Italia Franco Graglia.

"La nostra volontà è quella di far sì che le Residenze sabaude, i Sacri Monti, i siti palafitticoli e preistorici dell’arco alpino, i paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato e Ivrea città industriale del XX secolo dialoghino sempre di più tra loro in modo da favorire la nascita di un modello innovativo di sviluppo sociale dei nostri Comuni e dei nostri territori. Ora è necessario passare dai progetti alla realtà. Mi farò promotore della firma di un nuovo protocollo d’intesa, volto a gettare le basi per realizzare il distretto piemontese, giusto coronamento della strada intrapresa".

"Grazie alla Blu economy ci auguriamo di migliorare la qualità della vita delle persone e creare un positivo impatto sociale, un dialogo e un confronto tra gli attori sociali coinvolti. E’ un nuovo modello per impiegare al meglio tutte le risorse, capace, ne siamo convinti, di dar vita a una comunità connessa, a misura d’uomo e di ambiente. Il protocollo servirà per avviare una dettagliata analisi territoriale che traccia le linee di una proposta operativa. Si aprono così le porte alla creazione di un distretto sistemico dei siti UNESCO piemontesi, che aumenterà la visibilità internazionale del patrimonio della nostra regione, rendendolo più connesso e resiliente”.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium