/ Economia

Economia | 07 novembre 2019, 13:50

Obbligo di catene e gomme da neve: scatta venerdì 15 novembre!

È dal 2013 che tale obbligo è stato unificato e cartelli che lo ricordano sono presenti lungo tutta la rete stradale

Obbligo di catene e gomme da neve: scatta venerdì 15 novembre!

Mancano due settimane all’ora x in cui scatta l’obbligo di avere con sé le catene da neve o avere montati gli pneumatici invernali. Questi ci accompagneranno sino al 15 aprile 2020. È dal 2013 che tale obbligo è stato unificato e cartelli che lo ricordano sono presenti lungo tutta la rete stradale. Se si viene sorpresi dalle Forze dell’Ordine senza, quindi, non c’è davvero giustificazione che tenga. Cerchiamo di capire esattamente cosa si intenda per dotazione invernale per le autovetture, così da non incorrere in sanzioni.

Queste, è bene ricordarlo sono abbastanza salate visto che possono arrivare anche a 600 euro, se non si viene coinvolti in sinistri dove la causa si potrebbe ricondurre a uno scivolamento del veicolo. In quest’ultimo caso, come si può immaginare, l’infrazione è considerata più grave e quindi le cifre sono ancora più alte. Meglio quindi capire bene come dotare il proprio mezzo nel modo giusto e farlo in fretta: il tempo scorre e il 15 novembre è vicino!

Catene da neve
Le catene da neve sono probabilmente la cosa più conveniente, specialmente per l’automobilista che risiede in una zona dove normalmente non nevica o non nevica molto. In questo modo, infatti, egli potrà continuare a tenere le sue gomme normali, estive, senza spendere né per pneumatici nuovi, né per il montaggio delle gomme da neve “vecchie” (inteso come gomme dell’anno prima ma sempre funzionali).

Le catene da neve non sono tutte uguali, ovviamente, ma ce ne sono diversi modelli e tipologie. I prezzi variano, ma di norma non è un articolo a basso costo. Ottime offerte, tuttavia, si possono trovare su CateneDaNeve.org. Quando si parla di catene da neve, si fa riferimento talvolta anche a sistemi antisdrucciolo più moderni. L’importante è che il dispositivo sia omologato secondo norma nazionale UNI 11313 o Onorm V5117. È scontato dire che ogni dispositivo deve essere adeguato alle ruote del veicolo. In particolare oggi ci sono anche le calze da neve e gli spray.

Pneumatici da neve

Le gomme da neve possono essere di varia tipologia e dimensione, ma hanno in comune la simbologia relativa che le distingue a occhio nudo in pochi secondi. Gli pneumatici che si adattano alla stagione invernale riportano normalmente la dicitura M&S, MS e M-S: dove m sta per fango, cioè, mud e s sta per neve, snow. Tale dicitura c’è sia sugli pneumatici invernali che sui cosiddetti “quattro stagioni” che vanno bene 365 giorni l’anno.

In relazione agli pneumatici da neve bisogna prestare molta attenzione all’usura. Montare gomme da neve usurate, infatti, equivale a non averle affatto. La profondità minima del battistrada deve essere 1,6 mm (ove tale misura è davvero molto pericolosa). Normalmente si cerca comunque di non scendere sotto ai 3 mm per la sostituzione delle gomme.

Queste vanno di solito cambiate due a due (a coppie/assali). Per sapere quanto battistrada si ha ancora sulle gomme della propria autovettura basta misurare con uno spessimetro o molto semplicemente (ma funziona!) aiutandosi con la moneta da 2 euro: la fascia color metallo esterna è larga proprio 4 mm. Inserendo la moneta nella scanalatura, è possibile così farsi un’idea d quanto battistrada resti.

Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium