/ Curiosità

Curiosità | 09 novembre 2019, 14:28

A Bra c’è un nuovo albero in città ed è dedicato a Marina Ferrero

Ugo Minini: “Un albero lascia un segno che dura nel tempo e aiuta tutto l’ambiente di Bra e del mondo”

A Bra c’è un nuovo albero in città ed è dedicato a Marina Ferrero

Un albero dal tronco robusto, vita intorno, con il cielo azzurro e il profumo dell’anima. Una cerimonia breve, ma toccante quella che si è svolta sabato 9 novembre a Bra nell’area verde della Madonna dei Fiori dove, per ricordare Marina Ferrero, è stato piantato un gelso e apposta una targhetta commemorativa.

La donna si era spenta all’età di 66 anni nel giorno di Ognissanti a causa di una lunga malattia, che l’ha strappata troppo presto all’affetto dei suoi cari e dell’intera città che amava e che l’amava.

All’evento erano presenti i familiari e gli amici più stretti, i sodali della lista civica “Bra è viva” di cui Marina faceva parte e il sindaco di Bra, Gianni Fogliato, accompagnato da alcuni colleghi dell’Amministrazione comunale.

Particolarmente significativo il momento nel quale, a turno, i presenti hanno messo a dimora la pianta in un rispettoso silenzio, quasi surreale e con gli occhi lucidi.

Per piccoli e grandi è stata una bella esperienza anche dal punto di vista umano, con tante persone che hanno portato sorrisi, ricordi, parole e poesie nel parco.

Al termine è intervenuto anche Gianni Fogliato che ha voluto ricordare Marina Ferrero per il suo spirito di altruismo, bontà e disponibilità verso gli altri.

Gli applausi hanno unito e scaldato i cuori di tutti gli intervenuti, facendo sentire ancora una volta viva una donna che ha lasciato in eredità alla cittadinanza un esempio di fiducia e coraggio, che sta nel non abbattersi, ma di combattere sempre. Anche fino all’ultimo respiro.

L’idea lanciata da Bruna Sibille di dedicarle un albero è stata ripresa da Ugo Minini, che ha sottolineato come questo gesto possa diventare anche molto di più: “Tutti noi, in ricordo dei nostri cari, nel momento in cui scompaiono o se anche sono già scomparsi, potremmo investire nella nostra salute, nella rinascita ecologica della città, piantando degli alberi. In questo modo, si lascia un segno che dura nel tempo e, nel contempo, aiuta tutto l’ambiente di Bra e del mondo”.

Così, dopo l’agrifoglio dedicato dall’Associazione “Noi come Te donne operate al seno” in onore di Marcella Boggione a nome di tutte le donne, l’appello è lanciato.

E forse a molti non dispiacerà, in futuro, passeggiare per un parco in cui fiori e alberi, qua e là, sono anche dei nomi, delle storie, dei momenti. Con discrezione, come le piante insegnano.


Silvia Gullino

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium