/ Attualità

Attualità | 10 novembre 2019, 18:00

Mondovì: la cappella di San Bernolfo sta riabbracciando il suo antico splendore, ma servono ulteriori aiuti

Al restauro dell'edificio sacro si lavora dal 2015, grazie alla sinergia fra il locale comitato, i residenti del Ferrone, le associazioni e la Fondazione CRC. Sabato 16 e domenica 17 novembre, attraverso la vendita dei prodotti della terra e del "Pane di San Bernolfo", si raccoglieranno fondi per il ripristino (in corso) degli affreschi trecenteschi della zona absidale

Mondovì: la cappella di San Bernolfo sta riabbracciando il suo antico splendore, ma servono ulteriori aiuti

Ha ospitato, per anni, la tomba del patrono della città di Mondovì. Oggi, mediante un attento e certosino intervento di restauro e un'ammirevole affezione ostentata dai cittadini, sta via via riabbracciando il suo antico splendore. Si tratta della cappella di San Bernolfo della parrocchia del Ferrone, rione del capoluogo monregalese, oggetto da tempo di lavori finalizzati al recupero dell'edificio.

Procediamo con ordine: il restauro di San Bernolfo è figlio di un'azione collettiva dell'intero quartiere, in particolare della sua parrocchia e delle sue associazioni. Dal 2015 il Comitato San Bernolfo, su impulso del Consiglio Pastorale, si occupa del progetto, reperisce fondi e organizza eventi di valorizzazione, avvalendosi della collaborazione della Pro Loco "Cui Dur Ferun" e del Centro Lettura e Cultura "Franca e Mario Gasco", che anima la biblioteca parrocchiale.

I fondi per una prima parte dei lavori (riguardanti il restauro e la valorizzazione) provengono in primo luogo dal Bando Cultura 2016 della Fondazione CRC, poi dal Comune di Mondovì e dalle donazioni liberali raccolte durante gli appuntamenti organizzati a tale scopo. 

In estrema sintesi, l'iniziativa, nella sua totalità, contempla interventi volti al risanamento conservativo della cappella, il restyling della copertura, la regimazione delle acque, il restauro del patrimonio artistico della cappella, inclusi affreschi e intonaci e, non ultima, la valorizzazione dell'edificio sacro.

Buona parte di queste opere sono state portate a compimento. "Nel corso dell'estate - precisano dal Comitato San Bernolfo - sono stati liberati da uno spesso strato di calce gli affreschi trecenteschi dell'abside: una teoria di santi importanti, sovrastata da una Madonna di Misericordia con il manto aperto a protezione dei monregalesi, attorniata dai simboli dei quattro Evangelisti. La Madonna rivede la luce dopo settecento anni: è forse la Maria più antica della città, ha il volto sorridente ma lo sguardo severo, nella sua intensità bizantina, specchio di una Mondovì allora in grande crescita, orgogliosa e indipendente. I restauratori si stanno adesso occupando del velario nella fascia bassa dell'abside, con un lavoro difficile e delicato. Lavoro impegnativo, anche economicamente; indubbiamente, gli amanti delle cose belle e i monregalesi attenti alle proprie radici non faranno mancare il loro sostegno concreto".

A tal proposito, sabato 16 novembre, a partire dalle 16, presso l'oratorio del Ferrone avrà luogo la vendita dei prodotti della terra e del "Pane di San Bernolfo", cotto per l'occasione dai nostri volontari. In serata, proiezione del film "Il ragazzo che catturò il vento", a cura della biblioteca del Ferrone.

Domenica 17 novembre (tradizionale Giorno del Ringraziamento per la parrocchia), invece, dopo la messa delle 11 si terrà il pranzo del Ringraziamento nel salone parrocchiale, con un ricco menù autunnale (gradita la prenotazione entro giovedì 14 novembre allo 0174/42243).

Per contributi liberali ai restauri, infine, potranno essere eseguite donazioni attraverso un bonifico con causale "Pro San Bernolfo" al seguente IBAN: IT44P0629546480000001604916.

 

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium