/ Attualità

Attualità | 11 novembre 2019, 09:00

Da Fossano all'Europa un grido solo: "Free Iran!"

Successo di adesioni per l'evento tessuto dal circolo Il Ragno con la presidente Anna Mantini, il sindaco Dario Tallone e la parlamentare europea Gianna Gancia

Da Fossano all'Europa un grido solo: "Free Iran!"

A Fossano per dire a voce alta "Free Iran". E per fare presente a tutta l'opinione pubblica che i problemi in corso nel Medio Oriente toccano da vicino l'Europa l'Italia e ognuno di noi.

Come testimoniato anche dai più recenti drammatici eventi che ancora una volta nella regione irachena hanno colpito al cuore l'esercito italiano.

Per questo motivo occorre cambiare strategia, come è stato ribadito in occasione della tavola rotonda promossa venerdì scorso dal circolo culturale Il Ragno e dalla sua presidente avvocato Anna Mantini.

La conferenza fa seguito alle numerose iniziative già realizzate e che proprio nella città degli Acaja hanno avuto il proprio epicentro organizzativo. "Quanto sta accadendo nella vasta regione medio orientale e quindi ai confini della parte est dell'Unione europea - ha spiegato Anna Mantini - coinvolge tutti noi e le istituzioni sia locali che statali e di Bruxelles.

Oggi abbiamo bisogno non più di "esportare la democrazia", esperienza che si è rivelata assai sbagliata, ma di promuoverla dall'interno incoraggiando e valorizzando le forze sane e costruttive presenti sul luogo, e che in Iran sono rappresentate dallo straordinario movimento politico e civico presieduto dalla signora Maryam Rajavi.

La democrazia non si impone dall'esterno, ma si favorisce con l'autodeterminazione dei Popoli. La nostra solidarietà va ora più che mai ai Militari italiani vittime dell'attentato verificatisi in Irak.

Il processo democratico deve essere agevolato internamente, per evitare che l'attuale regime sia sostituto da un altro nuovamente illiberale, liberticida e fotocopia di quelli susseguitisi finora. Esiste già una classe politica locale libera e ispirata alla vera democrazia e pronta a stabilire un ordinamento costituzionale che riconosca i diritti delle Persone.

Siamo a fianco della Signora Rajavi".

Prosegue Mantini: "Il mio ringraziamento va a tutto il pubblico intervenuto, al Comune di Fossano e al sindaco Dario Tallone, alla Parlamentare europea Gianna Gancia nostra voce a Bruxelles e con cui abbiamo condiviso bellissime battaglie civiche su questi temi, e alla fondazione CRF per il patrocinio e sostegno.

Grazie a tutti i qualificati relatori. La strada che abbiamo intrapreso è impegnativa, ma il traguardo è alla nostra portata".

L'invito partito da Fossano è impegnativo ambizioso e al tempo stesso doveroso: un Iran liberato "presuppone che i Governi europei e occidentali tronchino ogni genere di trattativa e accordo con l'attuale governo integralista di Teheran, perché ogni intesa economica con quest'ultimo significa legittimare chi adesso nega i diritti e le libertà più elementari".

Oltre alla presidente Mantini e alla Parlamentare europea Gianna Gancia - rappresentante del Piemonte a Strasburgo e a Bruxelles - hanno portato il proprio saluto e contributo il Sindaco di Fossano Dario Tallone, il Professore universitario Valter Maria Coralluzzo, la scrittrice giornalista Loredana Biffo, il dottor Khosro Nikzat per i Medici e farmacisti democratici Iraniani, Yoosef Lesani in rappresentanza di Iran Libero e Democratico.

comunicato stampa

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium