/ Sanità

Sanità | 12 novembre 2019, 12:45

Anche Savigliano vuole risposte precise sul futuro dell’Emodinamica dell’ospedale cittadino

Sulla scia dei colleghi Amministratori di Saluzzo, le forze politiche che compongono il Consiglio comunale sottoscrivono l’OdG indirizzato a Cirio e Icardi. Si chiede l’eventuale modifica del piano sanitario regionale e se è stata avviata la convenzione con l’AO Santa Croce e Carle

L'ospedale Santissima Annunziata di Savigliano

L'ospedale Santissima Annunziata di Savigliano

Dopo l’approvazione, bipartisan, di maggioranza e opposizione nel Consiglio comunale di Saluzzo, anche le forze politiche dell’Amministrazione comunale saviglianese hanno approvato l’ordine del giorno in merito ai prossimi scenari dell’Emodinamica di Savigliano.

Il documento è lo stesso varato dai colleghi amministratori saluzzesi. Viene indirizzato al governatore del Piemonte, Alberto Cirio, e all’assessore regionale alla Sanità Luigi Genesio Icardi.

Tutto nasce dalle dichiarazioni proprio di Icardi: “In merito a talune notizie di stampa smentisco nel modo più assoluto che l’Emodinamica del nuovo ospedale di Verduno assorbirà quella operativa presso l’ospedale di Savigliano”.

Un’ottima notizia, che però va suffragata da atti ufficiali, che rettifichino quantomeno la delibera della Giunta regionale adottata il 19 novembre 2014, recante “Adeguamento della rete ospedaliera agli standard della legge 135/2012 e del Patto per la Salute 2014/2016”, dove viene riportato – testualmente – che l’emodinamica del Santissima Annunziata risulta “da trasferire da Savigliano a Verduno in seguito all’attivazione del nuovo ospedale”.

Anche a Savigliano – dunque – gli Amministratori comunali hanno raccolto l’invito delle forze politiche saluzzesi, approvando all’unanimità l’ordine del giorno.

A Icardi viene chiesto se le sue affermazioni comportino una modifica o integrazione al piano sanitario regionale e se sia stata avviata la convenzione interaziendale tra l’Asl Cn1 e l’Azienda ospedaliera Santa Croce Carle di Cuneo.

La programmazione di interventi in edilizia sanitaria, risalente al maggio 2018, conteneva infatti l’impegno a mantenere il servizio di emodinamica presso l’ospedale di Savigliano invitando l’Asl Cn1 e l’Azienda ospedaliera Santa Croce a redigere “apposita convenzione per una stretta collaborazione tra i due laboratori di emodinamica del quadrante ovest della provincia di Cuneo”.

Ma anche su questo, al momento, tutto tace.

“Il presidente della Giunta regionale e l’assessore alla Sanità della Regione Piemonte . si legge in calce al documento – aggiornino l’Amministrazione comunale di Savigliano circa l’iter della convenzione tra Asl Cn1 e AO Santa Croce e Carle”.

Firmato: il sindaco Giulio Ambroggio, il presidente del Consiglio comunale Aldo Comina, il vicepresidente del Consiglio comunale Claudia Giorgis e, per i gruppi consiliari di Savigliano, Marco Racca (Lega Nord Piemont Salvini), Giuseppe Bori (Savigliano 2.0), Rocco Ferraro (La nostra Savigliano), Pasquale Portolese (Partito Democratico), Antonello Portera (Movimento 5 Stelle), Piergiorgio Rubiolo (Progetto per Savigliano).

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium