/ Sanità

Sanità | 12 novembre 2019, 15:05

Progetto P.A.S.S.I.: pubblicati i risultati, i cuneesi più virtuosi della media regionale

Le analisi riguardano le buone pratiche legate alla salute e alla viabilità; verranno presentati ufficialmente domenica 17 novembre in occasione della Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada

Foto generica

Foto generica

Verranno resi pubblici nel corso della Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada in programma per domenica 17 novembre i dati del progetto P.A.S.S.I. (Progressi Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) relativi al territorio di competenza dell'ASL CN1.

A presentarli il settore Epidemiologia Aziendale della struttura, che vede come responsabile Maria Teresa Puglisi.

Lo studio propone diversi capitoli tematici con le relative percentuali a livello nazionale, regionale e - ovviamente - provinciale.

Il 6% dei cuneesi intervistati ha asserito di aver guidato entro un'ora dal consumo di almeno due Unità Alcoliche, specie se uomini di età superiore ai 50 anni (dato inferiore a quello regionale, 7%); quasi il 4%, inoltre, ha ulteriormente sottolineato di essere stato passeggero di uno di loro.

Quasi la totalità degli intervistati (96%) utilizza la cintura di sicurezza anteriore, il 42% quella posteriore e il 99% il casco in moto, tutti dati in linea se non superiori a quelli regionali (93% e 30% rispettivamente per i due tipi di cintura di sicurezza).

Il 16% dei cuneesi ha detto di avere difficoltà nell'utilizzare dispositivi di sicurezza per bambini come i seggiolini "0-16 anni".

Infine, il 48% degli intervistati della nostra provincia hanno dichiarato di aver subito un controllo dalle forze dell'ordine; di questi, l'11% ha visto l'utilizzo dell'etilometro.

sg

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium