/ Attualità

Attualità | 14 novembre 2019, 15:35

Cirio visita l’Alstom di Savigliano: “Siamo qui perché vogliamo una regione vicina alle imprese, vogiamo un 'Piemonte business friendly'”

Tour in Granda per il presidente della Regione. Sull’Asti-Cuneo: “Domani sarà a Roma, ci auguriamo che esca una parola chiara, perchè non possiamo più aspettare”

Cirio visita l’Alstom di Savigliano: “Siamo qui perché vogliamo una regione vicina alle imprese, vogiamo un 'Piemonte business friendly'”

Visita del presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio questa mattina, giovedì 14 novembre, allo stabilimento dell’Alstom di Savigliano.

“Siamo qui per rendere omaggio a una grande eccellenza piemontese - ha commentato Cirio -. Siamo venuti a metterci a disposizione perché la Regione intende essere di supporto alle aziende del territorio. In particolare, l’Alstom guarda sempre verso l’innovazione. E noi abbiamo un piano strategico e fondi europei per la ricerca tecnologica che punta nello specifico all’elettrico per quanto riguarda i bus e all’idrogeno per i mezzi delle ferrovie. Due campi su cui vogliamo esserci. Vogliamo attrarre le aziende in Piemonte, non solo quelle estere. Vogliamo una regione “Piemonte business friendly” cioè che sia vicina alle imprese locali. Oggi faremo visita a diverse realtà del Cuneese. 1/3 degli stipendi sono prodotti dall’industria ma sappiamo che tutti fanno innovazione e meritano attenzione, in ogni settore”.

E sui nodi irrisolti della Granda come l’Asti-Cuneo, ancora in stand-by a distanza di tre settimane dall’ultima visita del premier Conte in Piemonte, ha aggiunto: “Domani sarò a Roma per incontrare il Ministero per discutere sul Piano Toninelli e sul Piano Del Rio, ci auguriamo che esca una parola chiara perché non possiamo più aspettare. Siamo anche già andati a Bruxelles, ma ora dobbiamo sapere come dovrà essere pagata l’Asti-Cuneo. E quando sarà il momento di aprirla lo faremo chiedendo scusa ai piemontesi che da quarant’anni attendo la fine del progetto”. Un’attesa secondo Cirio che ha infatti portato a morti, a causa del traffico sulle altre strade, e a carenza di indotto per le aziende della Granda.

Infine, sollecitato sulla questione del tenda-bis, altro progetto al momento bloccato, ha affermato: “Le cose bisogna iniziarle e finirle, mi chiedo come mai ogni volta che un’opera diventa pubblica qualcuno ci ripensa. Il progetto è quello, non ci sono stati presentati progetti alternativi, ma anche qui si finisca”.

Ad accompagnare il presidente Cirio alla visita all’Alstom di Savigliano anche l’assessore ai Trasporti Marco Gabusi, il vice presidente Fabio Carosso e l’assessore all’Ambiente Matteo Marnati.

Il governatore della regione ha poi proseguito il tour nella Granda alla cartiera Burgo di Verzuolo, a Casteldelfino per incontrare l'Amministrazione comunale e a Paesana per firmare l'accordo di programma sul potenziamento dell'offerta turistica deglli impianti di risalita di Pian munè.  http://www.targatocn.it/2019/11/14/leggi-notizia/argomenti/attualita/articolo/i-lavoratori-mahle-incontrano-cirio-in-visita-alla-burgo-di-verzuolo-il-22-novembre-a-torino-il-se.html

Chiara Gallo

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium