/ Attualità

Attualità | 15 novembre 2019, 12:03

Il sindaco di Busca riconfermato presidente del consorzio Bim Valle Varaita

Gallo: "Il Consorzio è ormai l'unico ente locale montano in grado di disporre di risorse proprie. Dobbiamo continuare a garantire a tutti i Comuni investimenti in opere pubbliche e in servizi essenziali"

Il sindaco di Busca riconfermato presidente del consorzio Bim Valle Varaita

Il sindaco di Busca, Marco Gallo, è stato riconfermato per il secondo mandato consecutivo presidente del  consorzio Bacino imbrifero montano Valle Varaita, eletto all’unanimità dall’Assemblea dei Sindaci. Vice-presidente è Giuseppe Fina di Melle.

“Innanzitutto – dice Gallo -voglio ringraziare i Sindaci che hanno rinnovato la loro fiducia alla deputazione uscente. Il Bim dovrà continuare a garantire prioritariamente a tutti i Comuni del Consorzio le risorse necessarie per gli investimenti, le opere pubbliche, i servizi essenziali e le iniziative di sviluppo qualificate per la tutta la valle Varaita, anche mediante iniziative direttamente gestite. In secondo luogo occorre mantenere una politica di sostegno all'associazionismo locale, al sistema scolastico e sociale operante in valle; questo anche in considerazione  del fatto che il Consorzio è ormai l'unico ente locale montano in grado di disporre di risorse proprie spendibili”.

“E' poi fondamentale
– aggiunge il presidente - operare a fianco dell'Unione Montana Valle Varaita, riconoscendo in essa lo strumento delle indispensabili politiche di sviluppo della Valle. In concreto, ciò  significa collaborare per l'accesso ai fondi europei; effettuare le necessarie sinergie su tematiche di interesse locale per tutta la valle, quali il turismo, l'artigianato, l'agricoltura, la cultura, lo sfruttamento delle risorse energetiche locali, l'organizzazione dei servizi di carattere sovracomunale. Tutti aspetti in cui in questi anni si sono sviluppate interessanti e proficue sinergie tra Bim e Unione”.

Il Bim Varaita ripartisce direttamente fra  i comuni un larga fetta degli introiti derivanti dai sovracanoni,  pari a  879.440 euro nell’anno in corso, destinati a opere pubbliche e per  fini di carattere sociale; i restanti introiti su un bilancio mediamente è di circa un milione  e mezzo, al netto delle spese di gestione dell’ente, sono assegnati ad associazioni di volontariato, enti e scuole operanti sul territorio.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium