/ Eventi

Eventi | 15 novembre 2019, 14:31

Saluzzo: “Alle cinque da me” apre la rassegna teatrale della Fondazione Piemonte dal Vivo

Martedì 19 novembre al teatro Magda Olivero. Possibilità di abbonamento ai 5 spettacoli in cartellone, in programma dal mese in corso a marzo. La biglietteria del teatro è aperta il lunedì e venerdì. La rassegna completa nell’articolo

protagonisti Gaia De Laurentiis e Ugo Dighero in scena nello spettacolo "Alle 5 da me" al Cinema Teatro Magda Olivero il 19 novembre

protagonisti Gaia De Laurentiis e Ugo Dighero in scena nello spettacolo "Alle 5 da me" al Cinema Teatro Magda Olivero il 19 novembre

Si alza il sipario martedì 19 novembre al Teatro Magda Olivero (via palazzo di città) sulla stagione "novità" proposta quest’anno dalla Fondazione Piemonte dal Vivo, il Circuito regionale multidisciplinare che porta nei teatri della regione spettacoli realizzati dalle più qualificate compagnie teatrali.

A Saluzzo un cartellone di cinque titoli di repertorio vario: dal comico al sociale, da novembre a marzo. Produzioni artistiche di qualità con attori di fama, proposte al pubblico ad un prezzo “di lancio” con la possibilità di abbonamento fino al 19 novembre, data d’avvio della rassegna.

Per i cinque spettacoli: intero 75 euro, ridotto 65 euro. Biglietti: intero 18 euro,  ridotto 15 euro.

Primo spettacolo in programma “Alle cinque da me” martedì 19 novembre alle  21, pièce di Pierre Chesnot che vede protagonisti Gaia De Laurentiis e Ugo Dighero. Regia Stefano Artissunch.

E’ una commedia esilarante che racconta dei disastrosi incontri sentimentali di un uomo e di una donna: lui in cerca di stabilità affettiva, lei ossessionata dal desiderio di maternità. Protagonisti Gaia De Laurentiis che interpreta cinque donne che corteggiano un uomo e Ugo Dighero che invece dà voce e volto a cinque uomini che corteggiano una donna.

Giovedì 5 dicembre alle 21, secondo  spettacolo, “La somma di due” liberamente tratto da “Sorelle” di Lidia Ravera; adattamento e progetto scenico Marina Massironi e Nicoletta Fabbri, regia Elisabetta Ratti.

Due sorelle adolescenti, Angelica e Carlotta, vengono separate dal divorzio dei genitori. Una con la madre, l’altra con il padre in un’altra città. Si mancano, si accusano, si scrivono, si rincorrono per non perdersi.

Mercoledì 15 gennaio 2020 alle 21: “Il sindaco pescatore” tratto dall’omonimo libro di Dario Vassallo, testi Edoardo Erba con Ettore Bassi; regia Enrico Maria Lamanna.  “Raccontiamo e soprattutto ricordiamo la storia di un eroe “normale”, Angelo Vassallo, il Sindaco Pescatore. Un uomo normale e straordinario in una regione malata e straordinaria come la Campania. Un uomo che ha sacrificato la sua vita per amministrare, difendere e migliorare la sua terra e le sue persone. La sua opera di uomo semplice onesto e lungimirante attraverso l’inizio della sua carriera politica e i successi ottenuti sul campo del Cilento nell’ottica del Bene Comune, fino al suo tragico epilogo".

Mercoledì 19 febbraio 2020 alle 21: “La Cena dei cretini” di Francis Veber con Max Pisu e Nino Formicola, regia Nino Formicola. “Ogni mercoledì sera, un gruppo di amici della Parigi bene, stanchi e annoiati, organizzano la cosiddetta “Cena dei Cretini”, dove saranno presenti ignari personaggi creduti stupidi, per riderne e farsene beffa tutta la sera.

Ma non sempre le cose vanno come ci si aspetta. Francois, il “cretino” di questa serata, invitato e scovato da Pierre, ribalta la situazione passando da vittima… a carnefice!  Scritta dal francese Francis Veber negli anni Novanta, La cena dei cretini è una delle commedie più celebri al mondo.

Giovedì 12 marzo 2020 alle ore 21: “Arte” di Yasmina Reza, traduzione Luca Scarlini, regia Alba Porto con Mauro Brentel Bernardi, Elio D’Alessandro, Christian La Rosa. Arte ha portato alla fama internazionale la drammaturga franco-iraniana Yasmina Reza, a cui è valso il premio Molière, uno dei più prestigiosi premi francesi per quanto riguarda il teatro.

Una commedia brillante, ironica e dalla scrittura raffinata, dove sono protagonisti Serge, Marc e Yvan, amici di lunga data: un dermatologo amante dell’arte, un ingegnere aeronautico e un rappresentante di articoli di cartoleria. Serge acquista una tela bianca per l’ingente somma di duecentomila euro, Marc disapprova l’acquisto, mentre Yvan non prende alcuna posizione. Attraverso una riflessione sull’arte contemporanea, lo spettacolo pone così interrogativi universali sul valore delle relazioni e dell’amicizia.

Info biglietti e abbonamenti: la biglietteria del teatro è aperta il  lunedì dalle ore 17 alle ore 19.30 ed il venerdì dalle ore 17 alle ore 19.30. Inoltre è possibile prenotare l’abbonamento o il biglietto inviando una mail a: prenotazioni@cinemateatromagdaolivero.it indicando Nome/Cognome/Città.

Informazioni sulla stagione di cinema, musica, teatro: su www.cinemateatromagdaolivero.it

 

vilma brignone

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium