/ Eventi

Eventi | 15 novembre 2019, 09:00

Saluzzo, "Dentro il Disegno" con il curatore della mostra Lóránd Hegyi

Visita guidata speciale domenica 17 novembre con il critico d’arte internazionale. La mostra espone 250 disegni di artisti da tutto il mondo. E’ aperta alla Castiglia fino al 1 dicembre

Il critico dell’arte Lóránd Hegyi

Il critico dell’arte Lóránd Hegyi

Continua l’apertura della mostra Dentro il disegno alla Castiglia di Saluzzo, che espone, fino al 1° dicembre, circa 250 disegni di 33 artisti che operano in campo internazionale.

L’esposizione è curata da  Lóránd Hegyi, critico e storico dell’arte che domenica 17 novembre alle 16, guiderà  il pubblico alla conoscenza della mostra e del suo messaggio. Il biglietto d’ingresso ( 5 euro) è comprensivo, per il solo pomeriggio di domenica della speciale visita guidata e dell’incontro, aperto al pubblico.

A seguire, sempre all’interno de La Castiglia, il curatore terrà un approfondimento intorno alla mostra e ai temi principali affrontati al suo interno, tra cui quello del disegno, in un dialogo in cui lo accompagneranno tre artisti protagonisti dell’esposizione, Valerio Berruti, Daniele Galliano e Ugo Giletta.

Hegyi vuole portare alla riflessione secondo la quale all’artista spetta il potere e la responsabilità di inviare i propri messaggi sulle prospettive umane, creando nuove connessioni tra diversi campi ed esperienze e fornendo nuove interpretazioni alla complessità della realtà umana.

 L’insieme dei lavori suggerisce la forte convinzione nel carattere etico e nella missione che sottintendono l’arte: trasmettere metafore visive sull’esistenza umana, attraverso un forte linguaggio espressivo che rafforza, enfatizza e sottolinea il carattere emotivo e umano dell’arte. Infatti, come dice il curatore Lorand Hegyi, “l’impegno dell’artista contemporaneo per trovare una narrazione autentica, sincera, empatica e sensibile, si manifesta con particolare evidenza nel disegno, dove una fantasia radicale e un’immaginazione liberatoria, sovversiva, evocano nuovi nessi e prospettive tra diverse dimensioni del vissuto umano.”.

Il curatore è storico e critico d’arte. Dopo essersi dedicato in gioventù a svolgere attività accademica, occupandosi di avanguardie della prima metà del secolo, ha iniziato a lavorare come curatore di mostre contemporanee in Ungheria, Austria e Germania. Dopo numerosi incarichi dal 2003 al 2016 è stato direttore generale del Musée d’Art Moderne di Saint-Étienne e dal 2017 è direttore artistico del Parkview Museum di Pechino e Singapore. Molti sono i saggi e i libri pubblicati in ambito internazionale.

Gli artisti  in mostra 

Marisa Albanese (Italia), Ruth Barabash Iisraele), Radu Belcin (Romania), Anya Belyat-Giunta (Russia), Elzevir (Francia), Valerio Berruti (Italia), Davide Cantoni (Italia/Usa), Guglielmo Castelli (Italia), Gianni Dessì (Italia), Andrea Fogli (Italia), Aron Gabor (Ungheria), Daniele Galliano (Italia), Giuseppe Gallo (Italia), Ugo Giletta (Italia), Allison Hawkins (Usa), Dominika Horáková (Slovacchia), Marine Joatton (Francia), Denica Lehocká (Slovacchia), Felice Levini (Italia), Christian Lhopital (Francia), Eric Manigaud (Francia), Alois Mosbacher (Austria), Hermann Nietsch (Austria), Marina Paris (Italia), Piero Pizzi Cannella (Italia), László László Révész (Ungheria), Anila Rubiku (Albania), Hubert Scheibl (Austria), Marco Tirelli (Italia), Barthélémy Toguo (Camerun), Sandra Vásquez De La Horra (Cile), Lois Weinberger (Austria), Wang Yuping (Cina). 

La mostra è aperta da giovedì 11 ottobre a domenica 1 dicembre alla Castiglia.  

Per informazioni www.fondazionebertoni.it

 

 



vb

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium