/ Politica

Politica | 15 novembre 2019, 16:32

Notte nelle Langhe per Matteo Renzi prima del debutto piemontese di "Italia Viva"

Iniziata sulle colline di Santo Stefano Belbo la giornata torinese dell’ex premier, che nel capoluogo regionale ha tenuto un pranzo con ospiti 200 tra imprenditori ed esponenti della società civile, del sindacato e del mondo bancario-finanziario

Notte nelle Langhe per Matteo Renzi prima del debutto piemontese di "Italia Viva"

Prima ha dormito nelle Langhe, al "Relais San Maurizio" di Santo Stefano Belbo, come dimostra lo scatto che lui stesso ha affidato ai social, fotografando il panorama fuori dalla sua camera d'albergo, caratterizzato da una fitta nevicata. Poi si è tuffato nelle sale dell'Hotel Principi di Piemonte di Torino, dove prima del grande evento organizzativo in programma nel pomeriggio al Teatro dei Ragazzi, Matteo Renzi ha incontrato oltre 200 tra imprenditori e rappresentanti del mondo economico, sociale e sindacale del capoluogo subalpino. "Mi hanno scritto una lettera, nei giorni scorsi, in toni preoccupati". Ha detto il leader di Italia Viva prima di infilarsi all'interno dei portoni dell'hotel.

Ma chi erano gli invitati a questo vertice? C'era un po' tutta la Torino dell'economia, ma anche della politica. Dunque esponenti che già in queste settimane avevano manifestato la volontà di seguirlo nel suo cammino al di fuori del PD (da Mauro Marino a Silvia FregolentDavide Ricca), ma anche Lucrezia Bono, ex candidata sindaco nel Comune valsusino di Chiomonte, così come rappresentanti del mondo finanziario o di quello produttivo.


Tra i volti noti che sono velocemente sfilati all'interno dell'hotel, c'era Alberto Anfossi, segretario della Compagnia di San Paolo, ma anche Vladimiro Rambaldi, in passato responsabile di territorio per il Nord Ovest di Unicredit. 
Per il mondo confindustriale, è arrivata Licia Mattioli, già presidente dell'Unione Industriale e oggi vicepresidente nazionale di Confindustria per l'industrializzazione, oltre che esponente della Compagnia di San Paolo, di cui è vicepresidente del Comitato di Gestione.

Sempre per il mondo dell'industria, a rappresentare le aziende cittadine c'era Alberto Lazzaro, presidente del Gruppo Giovani dell'Unione Industriale di Torino. Mentre Corrado Alberto, presidente di Api Torino, rappresentava il mondo delle pmi. A rappresentare il mondo del commercio, Maria Luisa Coppa, presidente di Ascom Torino e provincia.

Ex presidente di Iren e già vicesindaco di Torino, tra i presenti c'era pure Paolo Peveraro, così come due delle cosiddette "madamin", ovvero Patrizia Ghiazza e Giovanna Giordano Peretti. Ma l'elenco potrebbe essere ben più lungo.

Tra coloro che hanno partecipato anche Andrea Levy, patron del Salone dell'Auto Parco Valentino, protagonista nei mesi scorsi del doloroso distacco con destinazione Milano. E anche l'avvocato Riccardo Rossotto, ex liquidatore della Fondazione del Salone del Libro.

Cinzia Gatti e Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium