/ Politica

Politica | 19 novembre 2019, 09:47

Nel Cuneese, in sei anni, il Movimento 5 Stelle ha perso 67.675 voti

Dal picco massimo, raggiunto alle elezioni politiche del 2013 (26,32%), i pentastellati sono precipitati all’8,10% delle regionali 2019. Perse, alle comunali del maggio scorso, le rappresentanze consiliari ad Alba e Bra e mancata quella a Saluzzo. Pur tuttavia, l’unica ministra cuneese è Fabiana Dadone al dicastero della Pubblica Amministrazione

Nel Cuneese, in sei anni, il Movimento 5 Stelle ha perso 67.675 voti

Il Movimento 5 Stelle, in provincia di Cuneo, è passato dal 26,32% delle politiche 2013 (88.927 voti) all’8,10% (21.252 voti) delle recenti regionali. Appena di poco superiore il dato delle concomitanti elezioni europee: 9,59%.

Una perdita in sei anni, tra il picco massimo raggiunto nel 2013 e il minimo toccato nel 2019, di 67.675 consensi, pari a 18,22% punti percentuali. Alle europee del 2014 il partito di Grillo e Casaleggio aveva ottenuto il 18,20%; alle politiche 2018 tra il 22,36 % (collegio camerale di Cuneo) e il 23,11% (collegio di Alba).

Un calo consistente, superiore alla somma dei residenti nelle città di Savigliano, Fossano e Saluzzo, che dice come la parabola dei consensi sia andata inesorabilmente calando fino a precipitare sotto la soglia del 10%.

Se consideriamo le amministrative, tipologia di consultazione in cui i 5 Stelle non hanno mai furoreggiato, la batosta è ancora più bruciante, perché in due Comuni, Alba e Bra, dove i pentastellati erano presenti, sono state perse le rispettive rappresentanze consiliari.

Ad Alba, Ivano Martinetti, che ha lasciato il Comune per Palazzo Lascaris, non ha avuto un successore. Idem a Bra, dove Claudio Allasia non ha trovato sostituti. A Saluzzo la sfida elettorale amministrativa si è rivelata fallimentare, dal momento che la lista guidata da Piercarlo Manfredi non è riuscita a raggiungere il quorum necessario per assicurarsi almeno un consigliere comunale.

Oggi, nelle “sette sorelle” le rappresentanze sono rimaste unicamente a Cuneo e Savigliano dove i 5 Stelle contano due consiglieri in ciascun municipio. Nel primo caso si tratta di Manuele Isoardi e Silvia Cina; nel secondo, di Claudia Giorgis e Antonello Portera.

Tuttavia, col cambio di governo, che da giallo-verde è diventano giallo-rosso, i pentastellati cuneesi possono compiacersi di avere un loro esponente al governo, Fabiana Dadone, al ministero della Pubblica Amministrazione.

giampaolo testa

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium