/ Viabilità

Viabilità | 22 novembre 2019, 12:10

Carrozze gelate sulla linea Cuneo-Torino, un giovane pendolare: "Un problema ormai quotidiano"

La conferma arriva anche da Claudio Menegon portavoce dei pensolari della tratta: "Il problema è già stato segnalato più volte. Da tempo chiediamo che vengano fatti interventi di manutenzione per evitare le situazioni di frigo o di forno"

Carrozze gelate sulla linea Cuneo-Torino, un giovane pendolare: "Un problema ormai quotidiano"

Spostamenti in treno al freddo perché il riscaldamento non funziona. A voltre in sauna, perché fa un caldo pazzesco.

E' ciò che accade, specie durante la stagione invernale, su molti dei convogli usati quotidinamente dai pendolari della tratta Cuneo-Torino.

A scriverci è uno studente, che prende il treno per andare all'università. "Vorrei esporre alla vostra redazione il problema ormai quasi quotidiano della mancata accensione del riscaldamento a bordo dei convogli della tratta Cuneo-Torino, con annessa negligenza da parte del personale di bordo alla risoluzione del disguido. 

La vicenda, oltre che dannosa per la salute (farsi anche un viaggio di un'ora senza una condizione interna ambientale decente) vi è anche una presa in giro verso i pendolari, i quali non possono usufruire di un servizio fondamentale, pur pagando ugualmente e giustamente il biglietto/abbonamento di viaggio". 

Sulla cosa abbiamo interpellato Claudio Menegon, portavoce dei pendolari di questa tratta, presente anche con un gruppo su Facebook. "Su alcune carrozze è vero, anche stamattina alcune erano senza riscaldamento; non per niente da tempo chiediamo che vengano fatti interventi di manutenzione per evitare le situazioni di frigo o di forno. Sulla negligenza... andrei più cauto: il personale spesso non può farci proprio niente, i sistemi di condizionamento sono vecchi, non prevedono regolazione e sovente vanno in blocco. Il problema è già stato segnalato più volte ma il materiale è quello che è, viene fatta poca manutenzione e la Regione non fa investimenti per migliorare la situazione".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium