/ Attualità

Attualità | 11 dicembre 2019, 16:49

Chiarimenti, modifiche tecniche e proroghe per l'adeguamento: "a tagliando" il regolamento dei dehors e padiglioni di Cuneo

Ieri sera (martedì 10 dicembre) la VII^ commissione consiliare ha visionato la bozza di piano che sarà discussa nel consiglio comunale della prossima settimana; spazio anche alla discussione sulla movida

Chiarimenti, modifiche tecniche e proroghe per l'adeguamento: "a tagliando" il regolamento dei dehors e padiglioni di Cuneo

 

Il nuovo regolamento propone diverse modifiche di carattere tecnico che puntano a un migliore interfacciarsi tra pubblico e privato. Una sorta di “tagliando” al regolamento precedente approvato nel 2015 che tenga conto del nuovo assetto della città a seguito degli interventi del PISU”.

Così l’assessore cuneese Luca Serale ha introdotto la discussione - tenutasi nella serata di ieri (martedì 10 dicembre) in sala Consiglio – relativa al nuovo regolamento comunale dei dehors e dei padiglioni. Presenti, oltre ai membri della VII^ commissione e l’assessore stesso, il dottor Pier Angelo Mariani, l’assessore Paola Olivero e l’architetto Greta Morandi.

Morandi e Mariani hanno illustrato i contenuti della bozza, sottolineando come sia il risultato di “un anno solare di lavoro in cui sono state raccolte da tutti gli uffici comunali coinvolti le istanze della cittadinanza, che ci ha permesso di renderci conto come fossero necessarie alcune precisazioni al documento del 2015 riguardanti i dehors occasionali aperti, i dehors aperti e i padiglioni, le modalità di richiesta, le sanzioni, la possibile collocazione dei dehors e la loro estensione massima. Tante anche le modifiche legate a tecnologie e materiali, tutti passaggi normali e necessari dopo questo lasso di tempo”.

L’unico – ma tutt’altro che insignificante – passaggio politico inserito nella nuova bozza riguarda il termine per l’adeguamento dei dehors urbani in scadenza a gennaio 2020: nel documento si prevede una proroga fino al gennaio 2023.

L’argomento dei dehors inevitabilmente ha spostato la discussione sulla tematica della movida.

“Beppe” Lauria: “In questo consiglio comunale ci sono opinioni diverse sulla questione, con un sindaco che ha fatto un’intera campagna elettorale pro-movida per poi schierarsi contro: insomma, mettetevi d’accordo con voi stessi!”. L’assessore Serale ha però preso l’impegno di programmare entro l’inizio della stagione calda una nuova modifica al regolamento, concertata con le associazioni di categoria e i comitati di quartiere, proprio in merito “all’affaire movida”.

Luca Paschiero: “Ben vengano i regolamenti e le modifiche ma l’amministrazione comunale deve farsi capace di realizzare controlli maggiori e più continuativi; solo se le regole sono chiare e valgono per tutti si potrà dare serenità alle persone”.

 

simone giraudi

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium