/ Attualità

Attualità | 12 dicembre 2019, 15:15

“Rendiamo gratuiti parte dei parcheggi di Saluzzo per i primi 30 minuti di sosta e nei sabati del periodo natalizio”

Lo chiedono Piano e Bachiorrini (opposizione). L’assessore Neberti: “Questione già affrontata in Commissione urbanistica, dove nulla era stato eccepito. La tariffa adottata nella zona in questione garantisce una maggior rotazione, e la maggior rotazione può solo essere a vantaggio del commercio. Tariffe comunque invariate, che rimangono le più basse della provincia”

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Portare i parcheggi a pagamento nella zona “A” di Saluzzo (in particolare quelli di Corso Italia) gratis per i primi 30 minuti di sosta e nei sabati del periodo natalizio, compresi tra l’8 dicembre ed il 6 gennaio.

Obiettivo? “Favorire le condizioni di accessibilità ai negozi, in modo particolare quelli di Corso Italia. È la tesi di Alessandra Piano e Fulvio Bachiorrini, consiglieri d’opposizione in Consiglio comunale di Saluzzo.

L’opposizione ha inoltrato al presidente dell’assemblea cittadina, Enrico Falda, un’interpellanza ad hoc sul tema.

I consiglieri partono dalla tariffa oraria dei parcheggi della zona “A”: “per la prima ora di sosta – scrivono – è pari a 60 centesimi di euro, e per i primi 30 minuti a 30 centesimi”.

I parcheggi della città di dividono in due zone. La “A”, che comprende tutti gli “stalli blu” cittadini; la “B” comprende invece solo i parcheggi a pagamento ricavati in piazza Cavour, a pochi metri dall’“ala di ferro”, dopo la recente riqualificazione dell’intera area. I parcheggi della zona “B” – come confermano dal Municipio – sono gli unici ad aver tariffe maggiorate.

L’interpellanza si articola su due fronti.

Il primo, alla luce del fatto che “la zona attigua all’Ospedale – scrivono Piano e Bachiorrini – come via Spielberg, via Piave, piazza Dante, via Corrado Segre e via Monsignor Savio, è particolarmente interessata da una sosta breve per l’accesso temporaneo di coloro che accompagnano i pazienti alla struttura ospedaliera, mentre il centro commerciale naturale nell’isola pedonale di Corso Italia non dispone di parcheggi nelle immediate vicinanze”.

Ragioni che portano l’opposizione a chiedere al sindaco la gratuità dei parcheggi nei primi 30 minuti di sosta e nei sabati tra l’8 dicembre e il 6 gennaio. “Il gestore – si legge nell’interpellanza – è obbligato a garantire il servizio anche a seguito di riduzioni al di sotto del 10% del valore iniziale del contratto”.

Non solo, perché nell’interpellanza l’opposizione si sofferma anche sulla videosorveglianza dei parcheggi. “Con deliberazione di Giunta del 6 novembre 2019, è stato approvato il progetto di servizio e vigilanza dei parcheggi pubblici a pagamento del Comune di Saluzzo per gli anni 2020-2026.

L’appalto – sostengono Piano e Bachiorrini – comporta un importo complessivo pari a 4.340.000 euro, 620.000 per ogni singola annualità. Il valore fisso da riconoscere al Comune corrisponde a 204.000 euro annui, 17.000 al mese.

L’appalto riguarda 683 aree di sosta a pagamento, per un importo annuo di 908 euro cadauna”.

“Chiediamo di conoscere il numero degli impianti di videosorveglianza installati e di prevedere l’obbligo periodico di redazione di un verbale per attestare lo stato di efficienza degli impianti. Nel capitolato d’appalto è prevista la manutenzione ordinaria e straordinaria dell'impianto di videosorveglianza, a carico del gestore”.

L’opposizione ha richiesto risposta verbale nel prossimo Consiglio comunale, che verrà convocato per il 20 dicembre.

L’interpellanza – ci ha comunque detto Francesca Neberti, assessore alle Attività economiche – arriva forse un po’ fuori tempo massimo, nel senso che la questione parcheggi è passata anche in Commissione urbanistica un mese fa circa. In quell’occasione, sede per discutere di una serie di cose, nulla era stato eccepito.

Riguardo al periodo di sospensione del parcheggio a pagamento nei sabati natalizi, anche in questo caso, essendo il Consiglio comunale in programma per il 20 dicembre, i sabati utili sarebbero veramente pochi.

A parte questi dettagli, l’unica cosa certa rimane che ciò che incassa il Comune dai parcheggi viene speso in servizi, e anche questo è un dato importante, che si deve tener presente: sono servizi per la città.

La tariffa adottata nella zona in questione garantisce una maggior rotazione, e la maggior rotazione può solo essere a vantaggio del commercio. Questo elemento, che continua a emergere, è fuor di dubbio, ma di cui continua a non comprendersi la natura. La sosta diventa temporaneamente minima e quindi di conseguenza c’è un continuo turn-over.

Anche nell’incontro recente che si è avuto con gli ambulanti è stato evidenziato il vantaggio che questo comporta.

Nel bando non abbiamo ritoccato le tariffe, che continuano ad essere le più basse della provincia. Abbiamo anche abbassato il costo dell’abbonamento per i residenti, che da 30 euro passa a 25. Con i commercianti possiamo fare ogni tipo di ragionamento, ma questi sono due aspetti da sottolineare”.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium