/ Attualità

Attualità | 14 dicembre 2019, 12:10

Il presepio dell’ospedale di Savigliano se ne va: quest’anno è alla parrocchia di San Giovanni

Allestito dai volontari Soldano e Bonamico è stato spostato per cause tecniche

Il presepio dell’ospedale di Savigliano se ne va: quest’anno è alla parrocchia di San Giovanni

Si è solo spostato, non è sparito. Il presepio allestito da Antonio Soldano e Paolo Bonamico nell’atrio dell’ospedale SS Annunziata di Savigliano quest’anno sarà esposto alla parrocchia di San Giovanni - vicolo san Giovanni 9. 

Il cartello appeso all’ingresso dell’ospedale ha segnalato ai cittadini lo spostamento di sede dovuto “a cause tecniche”. In tanti si erano infatti preoccupati per la mancanza del presepe che ormai da trentadue anni allietava pazienti e familiari nel periodo delle feste. 

Un’opera di grandi dimensioni interamente realizzata a mano, che i due volontari arricchivano di anno in anno con dettagli sempre nuovi. 

“Negli ultimi tredici anni abbiamo allestito il presepe nella portineria nuova, prima era posizionato nella cappella dell’ospedale e poi nell’altrio al piano di sopra. La disposizione è cambiata in concomitanza con i lavori all’interno del presidio ospedaliero" spiega Paolo Bonamico

L’infermiere di cardiologia, insieme ad Antonio Soldano, oggi in pensione ma prima impiegato al centralino, iniziano a lavorare al presepe dal periodo dei Santi, da inizio novembre, fino a metà dicembre. Tanti gli stili adottati nel corso del tempo, da quello palestinese a quello montano, “Abbiamo sempre variato molto”, confermano i volontari. 

Quest’anno, anche in seguito alle ispezioni antincendio da parte dei Vigili del Fuoco, che hanno costretto a spostare tutto il materiale dal magazzino dell’ospedale in cui era custodito, hanno deciso di portare le statue e le scenografie nella parrocchia di San Giovanni dove comunque già da otto anni si occupavano dell’allestimento del presepio. “Il parroco di allora aveva comprato alcune statue e così abbiamo deciso di spostare tutto lì. Le staute, le scenografie e gli allestimenti vari sono tutti realizzati da noi, dalla grotta alle case”. 

Il presepio ora allestito nella chiesa di San Giovanni si trova tra le due piglie sotto il quadro del santo. “E’ molto grande, in tutto occupa circa 15 metri quadri”. 

“La preoccupazione dei cittadini che non vedendo il presepio hanno subito chiesto spiegazioni in realtà ci ha fatto piacere perché vuol dire che era apprezzato. Lo abbiamo sempre realizzato con un dispendio di energie non da poco”. 

Un po’ di amarezza per i due volontari per non essere riusciti più a mettere insieme le offerte per le adozioni a distanza. 

“L’unico rammarico - commentano - è che quando il presepe era allestito nell’atrio dell’ospedale essendo un posto di passaggio potevamo raccogliere delle offerte che nel corso del tempo ci hanno permesso di a fare delle adozioni a distanza, l’ultimo anno siamo riusciti ad adottare due bambini, ora questo discorso purtroppo è rimasto in sospeso”. 

c.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium