/ Politica

Politica | 31 dicembre 2019, 08:18

Mantini (Lega): "Il mio personale augurio di un sereno 2020 va anzitutto a vittime e orfani di femminicidio, finalmente adottati dalle leggi dello Stato"

Riceviamo e pubblichiamo

Mantini (Lega): "Il mio personale augurio di un sereno 2020 va anzitutto a vittime e orfani di femminicidio, finalmente adottati dalle leggi dello Stato"

Egregio direttore, 

questo anno in conclusione è stato politicamente e umanamente concitato, e non parlo soltanto a titolo personale ma soprattutto per ampie categorie di cittadini e di famiglie, ed è a queste che desidero idealmente rivolgermi in primo luogo per gli auguri di un anno nuovo che restituisca o porti loro la serenità e la sicurezza che meritano.

A partire dalle madri vittime di violenza, a torto definita "affettiva" dal momento che non può esserci affetto da parte di un compagno o genitore "orco", degli orfani e delle famiglie affidatarie, spesso i nonni materni, che amorevolmente prendono in carico i nipoti piccoli. Pur confermando, come esponente politica e come cittadina, tutte le riserve e le critiche nei confronti di una legge finanziaria e di bilancio che nel proprio complesso aggraverà la condizione economica e fiscale di moltissime famiglie e imprese, parlando da un punto di vista oggettivo non si può non dare merito ai competenti responsabili dei ministeri dell'interno, dell'economia e del lavoro di avere finalmente sbloccato e reso operativo dal 2020 un complesso di norme da tempo approvate a vantaggio di chi ha vissuto o assistito a delitti di violenza domestica o femminicidio, e di chi intende impegnarsi a restituire un futuro sereno a tante madri e bambini a rischio di emarginazione sociale ed economica. Le statistiche ufficiali parlano di un numero di bambini coinvolti fra i 1700 e i 1900, ma sono cifre già in sé drammatiche purtroppo molto più alte, che necessitano di una rete bene organizzata di interventi di prima assistenza, di messa in sicurezza di vittime e testimoni, di recupero strutturale dell'autonomia economica e lavorativa.

È giusto che i crimini di violenza domestica e femminicidio siano stati parificati a quelli di tipo mafioso, perché quanto tragicamente avvenuto a testimoni e superstiti, esposti a vendette e ritorsioni anche nelle nostre realtà locali, fa sì che debbano essere applicati gli stessi strumenti legislativi. Centrale sarà il ruolo delle prefetture e dei prefetti, con i quali sarà importante, e questo sarà un mio personale e politico impegno, instaurare le necessarie collaborazioni per rendere conosciute e utilizzabili queste nuove forme di intervento e di aiuto statale.

Buon anno, e che sia un avvio di 2020 dove, assieme ai petardi, sia messa al bando anche la violenza domestica, la prima causa di morte criminale nel nostro Paese.

Anna Mantini



Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium