/ Agricoltura

Agricoltura | 14 gennaio 2020, 07:30

A Chiusa Pesio la famiglia Fulcheri gestisce l’azienda Antiche Macine e l’Associazione Ranch Alpi del Mare (FOTO)

La struttura, costruita su misura anche per i bambini, si trova in uno splendido posto incastonato nella natura di regione Gambarello. Mamma Anna si occupa della produzione agricola e di trasformare le colture. La figlia Debora segue l’agriturismo e la cucina. Papà Attilio e il figlio Fabrizio sono impegnati nella cura dei cavalli del maneggio, dei cani da slitta e delle attività sportive. Dicono: “Vogliamo che le persone ci scoprano e ritornino, in quanto hanno apprezzato le nostre proposte capaci di far crescere nei loro cuori il desiderio di viverle nuovamente”.

Papà Attilio, Fabrizio, Debora e mamma Anna brindano al futuro dell'azienda agricola e dell'Associazione nella reception dell'agriturismo

Papà Attilio, Fabrizio, Debora e mamma Anna brindano al futuro dell'azienda agricola e dell'Associazione nella reception dell'agriturismo

A Chiusa Pesio, salendo lungo la strada provinciale verso le frazioni di Vigna e San Bartolomeo, in regione Gambarello, 22, poco oltre il vivaio regionale, nel Parco Naturale del Marguareis, c’è una splendida struttura immersa nel verde dei boschi. Un posto che regala sempre emozioni impagabili. Anche quando il sole non brilla luminoso.

Lì c’è la sede dell’azienda agricola Antiche Macine, dove trovi il fascino del mondo rurale con la produzione e la trasformazione dei prodotti, unito alla ristorazione proposta dall’agriturismo e a tante occasioni di intrattenimento e sportive svolte attraverso l’Associazione Ranch Alpi del Mare. Utilizzando soprattutto i cavalli e i cani da slitta Siberian Husky e Alaskan Husky.

Uno straordinario e fantastico contenitore gestito dalla famiglia Fulcheri: papà Attilio, 59 anni, diplomato alla scuola dell’obbligo; mamma Anna, classe 1964, ragioniera; la figlia Debora, 34 anni, maturità conseguita all’Istituto Alberghiero, e il figlio Fabrizio, nato nel 1988, perito elettrotecnico. A cui danno una mano tre dipendenti.

La titolare dell’azienda dal 2016 è Debora, mentre il presidente dell’Associazione, fondata nel 2018, è Fabrizio. “Aprire Antiche Macine - raccontano Anna e Attilio - è stata una decisione difficile ma, con il tempo, capace di regalare preziose soddisfazioni. Siamo molto contenti che siano entrati i figli: è lo stimolo che ci spinge ad andare avanti con la stessa passione iniziale. Loro hanno portato nuove idee e l’attività si è sviluppata ed è migliorata. Certo, ci vuole costantemente un grande impegno. Però, non torneremmo più indietro”.

Il perché della scelta di Debora: “Trasformare e cucinare i prodotti agricoli - afferma - sono sempre state due passioni che avevo nel cuore. Anche per questo motivo ho frequentato l’Alberghiero come percorso di studi. Grazie all’esperienza maturata in altre strutture della ristorazione quel sogno è diventato il mio mestiere. Ma, adesso, rispetto a prima, ho la grande soddisfazione di preparare dei prodotti coltivati da noi. E poi sono molto contenta di lavorare con la mia famiglia”.

Il perché della scelta di Fabrizio: “Per diversi anni - spiega - mi sono occupato della produzione di energia attraverso i pannelli solari. Però, l’attività iniziata dai genitori mi ha sempre attirato e come per Debora ora mi affascina contribuire a portare avanti il progetto in cui è coinvolta l’intera famiglia”. 

Nell’organizzazione aziendale tutti si danno reciprocamente una mano e sono pronti a scambiarsi i compiti a seconda delle esigenze richieste dall’attività. Ma hanno dei ruoli più specifici ai quali dedicano maggiore tempo nell’arco della giornata. Anna si occupa della produzione agricola e di trasformare le colture. Debora segue l’agriturismo e la cucina. Attilio e Fabrizio sono impegnati nella cura dei cavalli del maneggio, dei cani da slitta e delle attività sportive.  

IL LAVORO DI UNA FAMIGLIA PER REGALARE GIORNATE DI TRANQUILLITA’ E DIVERTIMENTO A TANTE ALTRE FAMIGLIE

Anna, Attilio, Debora e Fabrizio: “L’obiettivo che ci siamo posti è di motivare soprattutto le famiglie a venirci a trovare, offrendo sempre nuovi servizi e opportunità di trascorrere delle giornate insieme conoscendo la natura, il gusto genuino dei nostri prodotti e l’avventura con gli animali. A cui aggiungere diversi suggerimenti di pratica sportiva. Vogliamo che le persone ci scoprano e ritornino, in quanto hanno apprezzato le nostre proposte capaci di far crescere nei loro cuori il desiderio di viverle nuovamente”.

In sostanza, è l’impegnativo lavoro di una famiglia per dare l’occasione a tante altre famiglie di divertirsi e di assaporare momenti di tranquilla serenità in un luogo spettacolare e lontano dai rumori del traffico cittadino.  

UNA STORIA COSTRUITA A PICCOLI PASSI

Antiche Macine nasce nel 2009 per opera di Attilio e Anna, ma non come attività principale. Loro, infatti, in quel periodo gestiscono un bar pasticceria a Chiusa Pesio. Però, sentono forte il richiamo della natura. “Il lavoro al chiuso - dicono - iniziava  a starci stretto. Eravamo decisamente più attratti dalla vita all’aperto e, soprattutto, ci appassionavano i cavalli. E’ uscita l’occasione di questa struttura di fine 1800 che, nei decenni, aveva ospitato una fabbrica di trattamento del ferro, una conceria e, infine, uno spazio per la produzione delle ceramiche. Faceva al caso nostro e l’abbiamo acquistata nel 2007. Iniziando subito a ristrutturarla, perché non era più utilizzata da tempo e si presentava in condizioni piuttosto malandate”.

Nel 2009 Attilio e Anna continuano ancora con la pasticceria ma, in regione Gambarello, cominciano a impiantare le prime colture di ortofrutta e ad allevare i primi cavalli. “Essendo vicino al torrente Pesio - sottolineano - anche le superfici agricole erano tutte da ricostruire. Abbiamo fatto portare della terra fertile per le coltivazioni”.

In seguito avviano la cura del maneggio con le lezioni di addestramento alla guida dei cavalli e, poi,  le passeggiate in sella. Debora e Fabrizio danno loro una mano nel tempo libero, perché sono impegnati in altre occupazioni. La titolare di Antiche Macine è Anna.

Giorno dopo giorno l’attività cresce. Siamo nel 2013. La famiglia Fulcheri va ad abitare nel complesso risistemato e decide di dedicarsi totalmente all’azienda agricola nei cinque ettari di terreno disponibile. Ampliando le produzioni. Viene creato uno spazio per la vendita diretta al consumatore dell’ortofrutta fresca. Il 2016 porta un’altra svolta fondamentale. Debora diventa la titolare di Antiche Macine. In quel periodo inizia anche la trasformazione delle colture coltivate nei campi che vengono smerciate negli stessi locali di regione Gambarello“Fino ad allora - afferma Anna - una parte di produzione appena raccolta la acquistavano i grossisti. Ma abbiamo valutato che era meglio confezionarla per dare più valore aggiunto all’azienda”.

Il 2017 vede la nascita dell’agriturismo con la sola ristorazione. Infine, nel 2018 Fabrizio abbandona il lavoro svolto in precedenza e diventa presidente dell’Associazione Ranch Alpi del Mare, perché l’azienda agricola non può più gestire le attività sportive e quelle legate ai cavalli e ai cani da slitta. E con papà Attilio si occupa degli impegni richiesti da quel particolare settore. Inoltre, dedica una porzione di tempo alla raccolta del miele ottenuto dalle api ospitate in una decina di alveari.    

LA PRODUZIONE AGRICOLA E LA TRASFORMAZIONE

Nei cinque ettari di terreno l’azienda coltiva diversi ortaggi seguendo il ritmo delle stagioni, poi alcune specie di frutta: in particolare fragole e mirtilli. Le varietà di confezioni trasformate sono una cinquantina tra le quali spiccano gli antipasti, la passata di pomodoro, le marmellate e le composte. Sono disponibili vasetti di diverso peso. A cui si aggiungono i mieli di castagno, millefiori e acacia.

Parte della produzione fresca e di quella trasformata è venduta direttamente al consumatore negli spazi di regione Gambarello. Una buona quantità, invece, serve per i cibi dell’agriturismo. Inoltre, vengono coltivati orzo e grano: il primo utilizzato per alimentare gli animali; il secondo macinato per avere la farina necessaria a preparare la pasta fatta in casa. Il cereale avanzato prende la strada dei grossisti.   Come ottenete la qualità e la sicurezza alimentare? Risponde Anna: “Coltiviamo solo prodotti di stagione. Senza forzature. Non siamo certificati biologici, ma adottiamo molte tecniche del metodo e poniamo la massima attenzione per ottenere sempre frutti gustosi e salubri. Nella trasformazione usiamo processi totalmente naturali. Come fossero fatti in casa. Qualità e sicurezza alimentare sono assolutamente garantite anche dai controlli dell’Asl e del circuito Campagna Amica-Terranostra di Coldiretti. E poi è un modo di operare che ci viene riconosciuto dai clienti, i quali apprezzano i profumi e i sapori di tanti prodotti lavorati con cura e impegno. Le colture sono per la maggior parte coltivate durante il periodo estivo: di conseguenza, per poter cucinare i nostri freschi anche nelle altre stagioni, le congeliamo. Così da garantire sempre la stessa genuinità di quanto viene preparato”.

Per informazioni sulle produzioni fresche, la trasformazione dei prodotti e il punto vendita: 334 9102259 (Anna).  

L’AGRITURISMO

Debora: “E’ nato perché unisce tutte le passioni della famiglia: è il contenitore e il punto di riferimento dell’intera attività. Gli alimenti che non produciamo noi, ad esempio la carne, li acquistiamo da altre aziende della zona di cui conosciamo il modo di lavorare. Alcune fanno parte del circuito Campagna Amica di Coldiretti. Siamo sicuri di quanto compriamo”.

Preparate qualche piatto particolare? “Principalmente cibi della tradizione piemontese. Ricordo i tajarin fatti da noi con la farina del nostro grano”. 

I posti disponibili nel locale di ristorazione sono una cinquantina. Le aperture avvengono il sabato a cena e la domenica a pranzo. Ma è possibile mangiare anche durante la settimana, telefonando al 339 5043094 (Debora).  

ANTICHE MACINE: PERCHE’ COMPRARE I PRODOTTI E MANGIARE IN AZIENDA

Anna e Debora: “E’ tutto molto genuino. Possiamo spiegare al cliente il percorso di coltivazione dei prodotti. E se torna vuol dire che gli sono piaciuti. La stessa cosa vale per i trasformati. Nei barattoli trovi il sapore e la bontà delle nostre colture, confezionate appena raccolte, e del nostro territorio. L’agriturismo ha orari ridotti proprio per dare una maggiore qualità nella preparazione dei cibi. Altrimenti non si riuscirebbero a seguire con cura l’intero ciclo produttivo e quello della ristorazione”.  

L’ASSOCIAZIONE RANCH ALPI DEL MARE

L’Associazione, a cui si dedicano con grande impegno Fabrizio e papà Attilio, offre diverse attività. I cavalli impiegati adesso sono diciotto. Ognuno di essi ha disponibile il proprio recinto con la casetta per ripararsi dalle intemperie.

Sottolinea Fabrizio: “Il lavoro maggiore lo assorbe il maneggio attraverso il quale insegniamo a guidare gli animali e a cavalcarli. In particolare ai ragazzi sotto i 15 anni. Attualmente abbiamo una trentina di allievi. Ma c’è anche la scuola per gli adulti. E organizziamo delle passeggiate a cavallo o dei giri con le carrozze”.

Ci sono poi 14 cani Siberian Husky e Alaskan Husky, anch’essi dotati dei box coperti in cui mettersi al riparo, che, durante l’inverno, trainano le slitte nelle gite sulla neve. “Per questa particolare attività - lo Sleddog - ci spostiamo a seconda delle richieste. Nelle settimane passate abbiamo lavorato a Entracque, ora lo stiamo facendo a Castelmagno e andiamo sovente sulla pista più vicina di Norea. Siamo gli unici in provincia di Cuneo a offrire questa proposta. Un’attività che si può fare anche d’estate sostituendo la slitta con degli appositi carrelli adatti ai percorsi sterrati. Sempre durante l’estate i cani accompagnano le persone nelle escursioni soprattutto in montagna. Si chiama Dog Trekking. Abbiamo anche 16 cuccioli. Almeno 5 o 6 entreranno a far parte del nostro team”.

Ma non solo.Rendiamo disponibili alcune attività outdoor con il noleggio delle racchette da neve o delle biciclette elettriche. Poi, ci occupiamo di tiro con l’arco. Inoltre, ospitiamo dei percorsi didattici riservati alle scuole”.

Per informazioni sulle attività: 340 4087565 (Fabrizio).    

PERCHE’ FREQUENTARE LE ATTIVITA’ DELL’ASSOCIAZIONE

Attilio e Fabrizio: “Prestiamo sempre la massima attenzione e accortezza nel seguire le persone impegnate durante le attività. Ogni passaggio è svolto in sicurezza e senza improvvisare nulla. Ad esempio, quanti diventano capaci a guidare i cavalli da soli lasciamo loro più libertà di movimento, altrimenti li accompagniamo ogni volta con la corda. Perché deve essere una bella esperienza e non bisogna farsi male”.  

PROBLEMI E SODDISFAZIONI

La famiglia Fulcheri: “Sicuramente portare avanti così tante attività comporta un rilevante impegno. In particolare la produzione ortofrutticola fresca paga i problemi legati al clima: magari pianti dieci e raccogli molto meno. Così come l’agriturismo ha gli alti e i bassi. Il tutto però è compensato dalle straordinarie soddisfazioni dei clienti che tornano a trovarci”.

Aggiunge Anna: “Una grande difficoltà è rappresentata dalla burocrazia a cui devo dedicare tante ore oltre a quelle impiegate nel normale lavoro quotidiano. C’è bisogno di una forte semplificazione”.  

PROSPETTIVE FUTURE

Attualmente per il pernottamento l’agriturismo offre, ai bordi di un boschetto, un caravan di legno con terrazzino che può ospitare fino a quattro persone. Ma la famiglia Fulcheri ha l’obiettivo di incentivare fortemente questo aspetto.

“La ristrutturazione del complesso - dicono Anna, Attilio, Debora e Fabrizio - non è ancora terminata. Il prossimo obiettivo è quello di realizzare alcune camere nel fabbricato e di costruire delle casette, sempre in legno, in un altro bosco vicino, per aumentare i posti da dormire. In quest’ultimo caso si tratterebbe di predisporre un servizio immerso nella natura che le persone potrebbero gestirsi in modo autonomo. Con l’agriturismo disponibile per le prime colazioni. Ma non solo. Vorremmo anche creare un parco dedicato totalmente alle famiglie attraverso dei percorsi a tema. In questo modo sarà possibile coprire a 360 gradi tutte le richieste dei clienti. Giorno dopo giorno, seppure con fatica e molto lavoro extra, e nonostante gli imprevisti durante il cammino - che non mancano mai - ci piacerebbe dare la forma giusta a quanto abbiamo sognato per questa struttura”.   

La famiglia Fulcheri è molto unita e offre, con le tante attività portate avanti, le prelibatezze dei prodotti di qualità in un ambiente incastonato nella natura. Dopo aver imboccato altri percorsi lavorativi, Anna, Attilio, Debora e Fabrizio hanno deciso, con coraggio e forte spirito imprenditoriale, di lavorare insieme per rendere disponibile un contenitore ampio e magico di emozioni.

Una parte di percorso è stata fatta e molti traguardi li hanno raggiunti. Adesso si tratta di continuare il cammino con lo stesso impegno per raccogliere altri importanti risultati positivi.        

Sergio Peirone

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium