/ Attualità

Attualità | 15 gennaio 2020, 17:29

Cuneo, i dubbi di Lauria sulla ciclabile di corso Marconi: "Con la rimozione degli alberi, la sponda è stabile?"

Il consigliere ha presentato ufficialmente un'interpellanza, che verrà discussa nel primo consiglio comunale del 2020, nelle serate di lunedì 20 e martedì 21 gennaio

Beppe Lauria in consiglio comunale

Beppe Lauria in consiglio comunale

In vista del primo consiglio comunale del 2020, la pista ciclabile attualmente ancora in costruzione in corso Marconi a Cuneo torna a far parlare di sé.

A riportare l'attenzione sul progetto è il consigliere "Beppe" Lauria, che ha presentato ufficialmente un'interpellanza nella quale lo definisce "inutile" e sottolineando il grave ritardo nella consegna dei lavori, fissata inizialmente per il 15 luglio dell'anno scorso.

Lauria punta il dito contro l'abbattimento di quasi tutti gli alberi che caratterizzavano lo svolgersi di corso Marconi, reso necessario - come spiegato anche dall'assessore Davide Dalmasso - dal loro stato di malattia. Già prevista la ripiantumazione sostitutiva di platani, che non convince comunque il consigliere: senza le radici degli alberi la sponda è stabile?

Lauria chiede quindi che l'assessore e la Giunta aggiornino il consiglio comunale sui nuovi tempi di consegna dei lavori e sulle ragioni del grave ritardo, e che venga fatta chiarezza sui risultati degli eventuali studi in merito alla stabilità della sponda. Inoltre, quanti platani si prevede di ripiantumare, ed entro quando? La dimensione di corso Marconi alla fine dei lavori, poi, sarà rispondente al Codice della Strada?

L'interpellanza verrà discussa nel corso delle serate di lunedì 20 e martedì 21 gennaio.

simone giraudi

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium