/ Attualità

Attualità | 15 gennaio 2020, 13:33

FEMCA CISL Piemonte, cambio al vertice: la cuneese Gabrilla Pessione è la nuova segretaria generale

La 46enne di Vignolo, con 35 voti su 36, prende il posto del biellese Giancarlo Lorenzi (in pensione dopo 40 anni di attività sindacale)

Gabriella Pessione

Gabriella Pessione

Con 35 voti su 36, la cuneese Gabriella Pessione, 46 anni, residente a Vignolo insieme al suo compagno di vita Marco, attuale segretaria generale della Femca Cisl Cuneo e già componente della segreteria regionale delle federazione, è stata eletta oggi al vertice della Femca Cisl Piemonte, la federazione che raggruppa in regione i 7.300 lavoratori dei settori chimico, gomma plastica, tessile ed energia aderenti alla Cisl. La sua elezione è avvenuta al termine del Consiglio generale della federazione regionale, riunito nella sede Cisl di via Sant’Anselmo, a Torino, alla presenza dei segretari regionale e nazionale Cisl e Femca Cisl, Alessio Ferraris e Nora Garofalo.

Insieme a Gabriella Pessione fanno parte della nuova segreteria regionale Giovanni Rossetti, riconfermato nel suo ruolo di segretario, e la nuova entrata Barbara Piva, attuale segretaria generale della Femca Cisl Piemonte Orientale.

Pessione succede a Giancarlo Lorenzi che ha guidato la Femca regionale negli ultimi cinque anni e che lascia la Cisl per la pensione dopo quarant’anni di attività. Dipendente Michelin dal 2001, Pessione inizia la sua attività in Cisl nel 2006, quando viene eletta rsu di stabilimento. Tre anni dopo, nel 2009, entra nella segreteria territoriale della Femca cuneese di cui diventa segretaria generale nel dicembre 2012. Da l 2017 ricopre anche il ruolo di componete di segreteria regionale della Femca.

Il Piemonte – ha detto la neo segretaria generale Femca Cisl Pessione subito dopo la sua elezione – è un territorio ampio e diversificato. Grazie al lavoro del mio predecessore Lorenzi, potrò lavorare insieme a un’ottima squadra. Sviluppare la contrattazione è il nostro principale obiettivo per far crescere l’organizzazione e dare risposte concrete ai bisogni di iscritti e lavoratori. Attivisti e dirigenti devono continuare ad accrescere le proprie competenze professionali e personali. Temi come innovazione industriale, formazione, welfare contrattuale e lotta alle discriminazioni devono essere al centro del nostro lavoro quotidiano. Io lavorerò al meglio delle mie possibilità per realizzare questi obiettivi”.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium