/ Attualità

Attualità | 15 gennaio 2020, 17:04

Servizio civile universale: al via in Granda 39 nuovi progetti con 115 nuovi volontari

Avvio ufficiale mercoledì 15 gennaio in Provincia con il saluto del presidente Borgna

Servizio civile universale: al via in Granda 39 nuovi progetti con 115 nuovi volontari

Oggi comincia per voi un anno speciale che dedicherete al servizio civile volontario. Attraverso i vari ambiti in cui sarete impegnati (ambientale, culturale, assistenziale) avrete la possibilità di conoscere dal di dentro la grande ricchezza di questa provincia che rappresenta davvero un’eccellenza a livello nazionale. Siamo una comunità vera perché ci mettiamo qualcosa di nostro. Quindi vi auguro di godervi davvero questo anno: siate curiosi, proponete cose nuove, interagite con tutti, portate le vostre idee. Avete a disposizione un contesto positivo tutto per voi, utilizzatelo bene”.

Così, il presidente della Provincia Federico Borgna ha accolto mercoledì 15 gennaio in Sala Falco a Cuneo i 115 giovani provenienti da tutta la Granda che hanno iniziato ufficialmente il nuovo anno di servizio civile universale (bando 2019) con le attività di formazione. 

I ragazzi saranno impegnati su 39 progetti elaborati da altrettanti enti, consorzi, cooperative e associazioni, approvati dal Ministero e sotto il coordinamento della Provincia. Svolgeranno il servizio in case di riposo, centri disabili, biblioteche, musei, parco fluviale e per la cura dell’ambiente e degli animali selvatici. Anche la Provincia ha un suo progetto per 3 volontari all’Ufficio Acque per occuparsi di ambiente, prevenzione e monitoraggio inquinamento acque.  All’incontro erano presenti anche alcuni rappresentanti degli enti dove i giovani presteranno servizio e alcuni ragazzi che ieri hanno concluso il loro anno di servizio civile, intervenuti per portare la loro testimonianza.

Il servizio civile offre ai giovani dai 18 ai 28 anni la possibilità di dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno di solidarietà e di ricerca di pace. Oltre alla formazione (almeno 80 ore) e all’acquisizione di competenze, i ragazzi ricevono crediti formativi, attestato di partecipazione, riconoscimento e valorizzazione delle competenze acquisite, valutazione dell’esperienza nei concorsi pubblici come servizio prestato presso la Pubblica Amministrazione e un assegno mensile di circa 433 euro. 

Si tratta di un’esperienza giudicata in questi anni molto positivamente non solo dagli enti che beneficiano della presenza dei giovani, ma dagli stessi ragazzi che per un anno fanno un’esperienza di solidarietà e cittadinanza attiva, a metà tra lavoro e volontariato.

Il servizio civile, nato nel 1972 come diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare, dopo  quasi trent’anni nel 2001 divenne servizio civile nazionale su base volontaria, aperto anche alle donne. Nel 2005 venne sospeso il servizio di leva obbligatorio, mentre è proseguito il percorso di crescita del servizio civile su base volontaria. 

Dal 2017 il servizio civile da nazionale è diventato universale, con l’obiettivo di renderlo un’esperienza aperta a tutti i giovani che desiderano farla. La Provincia di Cuneo è diventata punto di riferimento per la gestione del nuovo servizio civile volontario dal 2002 e da allora ad oggi sono passati migliaia di volontari. Svolge un ruolo di organizzazione a livello locale e di coordinamento con il suo Ufficio Servizio Civile anche rispetto ai rapporti con Regione Piemonte, Ufficio nazionale per il Servizio civile e nella realizzazione di progetti stessi. Dal 2003, tramite un protocollo d’intesa apposito, fornisce agli enti aderenti l’opportunità di accreditarsi come sedi dei progetti in provincia di Cuneo e dal 2008  la Provincia è stata accreditata come ente di 1° livello.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium