/ In&Out

In&Out | 09 febbraio 2020, 08:05

"Mi piace cambiare e mutare stile di vita, e qui in Spagna lo fanno tutti!": l'esperienza di Sara, cuneese a Barcellona

"Più di tutto mi mancano i panorami; non che qui manchino ma parliamoci chiaro, non è facile dimenticare il nostro caro Monviso innevato. E poi, la sensazione di casa che provo quando torno a Cuneo è impossibile da replicare"

Sara Chiecchio

Sara Chiecchio

- Ciao Sara. Raccontaci, come e perché hai scelto di spostarti a vivere a Barcellona?
Tutto è iniziato tanti anni fa, fin da piccola ho sempre voluto vivere in qualche paese straniero. Ho iniziato ad ascoltare musica in spagnolo, oltre che in inglese, più o meno dai 10 anni, leggevo i testi delle canzoni e cercavo di imitare quegli strani suoni che sentivo: da lì è nata la mia grande passione per le lingue straniere, e soprattutto, il mio talento nell'imitare qualsiasi tipo di accento.

Questa passione è cresciuta quando ho iniziato a viaggiare. Il primo posto che ho visitato nel 2010 fu Londra, e inizialmente era questa la meta che avevo scelto per il mio futuro.
Nel 2013 invece mia madre portò me e mio fratello in vacanza per la prima volta a Barcellona, e ce ne innamorammo. Ebbi finalmente l'occasione di sentire per davvero quella lingua che tanto amavo... e in un attimo mi dimenticai di Londra!

Negli anni successivi sono tornata a visitare più volte Barcellona e una volta Valencia, fino a che, due mesi dopo l'ultima vacanza fatta a maggio 2017, ho deciso di trasferirmici.


La scelta è stata facile, avevo affrontato un periodo molto complicato della mia vita che fino a quel momento mi aveva trattenuta a Cuneo, e una volta superato del tutto e messi da parte un po' di soldi ho deciso di punto in bianco di partire.

- E' stata dura crearti un tuo spazio in Spagna?
Crearmi una nuova vita in Spagna è stato tanto facile quanto difficile... qua le cose sono in continuo mutamento! Non fai in tempo ad abituarti a qualcosa o qualcuno che già sei passato a un nuovo capitolo: persone che vanno e vengono, lavori e case che perdi e trovi. Insomma, è stato molto difficile trovare una stabilità, nonostante il mio spirito di adattamento abbia reso le cose un po' più facili.

Nel giro di un anno, però, ho trovato un buon lavoro con contratto a tempo indeterminato che mi ha permesso di sistemarmi come si deve.


- Come sono i barcellonesi?
La gente qua è molto amichevole anche se, soprattutto i catalani, possono essere parecchio chiusi di mente. Mi hanno sempre ricordato molto i cuneesi, anche se in certe cose sono avanti anni luce.

I pregiudizi, per esempio, qua non esistono. Non c'è stata una volta che mi sia sentita guardata storto o giudicata per i numerosi piercing e tatuaggi, e purtroppo non posso dire la stessa cosa, invece, di quando cammino sotto i portici di corso Nizza. A volte lì mi sono sentita un'aliena.


- Che cosa ti manca nella nostra provincia?
Della provincia mi manca sicuramente il cibo, non perdo occasione per riempirmi le valige ogni volta che ritorno a salutare famiglia e amici. Più di tutto però i panorami... non che qui manchino ma parliamoci chiaro, non è facile dimenticare il nostro caro Monviso innevato. E poi, la sensazione di casa che provo quando torno a Cuneo è impossibile da replicare.

- Hai solo 25 anni, e sei all'estero da poco più di due. Come ti vedi nel prossimo futuro? Sempre all'estero?
Come mi vedo nel futuro... non ne ho idea, in realtà, l'unica regola quando sono partita era che non avrei dovuto averne!  Sarei tornata a casa quando avrei voluto. Oppure, mai.

Lascio fluire le cose e non mi pongo limiti di tempo né obblighi di rimanere. Adoro seguire i ritmi di Barcellona, cambiare di continuo stile di vita e abitudini: l'ho sempre fatto anche a Cuneo, ma ora a mutare non sono solo io, anche tutto ciò che ho attorno.

Insomma non so cosa mi riserva il futuro. Certo che, però, per il momento di tornare non se ne parla proprio!

simone giraudi

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium