/ Sanità

Sanità | 17 febbraio 2020, 18:12

Riunito il coordinamento dei servizi sociali della provincia di Cuneo, presentato il centro diurno socio riabilitativo “L’Approdo” di Dogliani

Si tratta di una struttura rivolta a ragazzi fra i 10 e i 18 anni con patologie complesse, psichiatriche e comportamentali

Riunito il coordinamento dei servizi sociali della provincia di Cuneo, presentato il centro diurno socio riabilitativo “L’Approdo” di Dogliani

Il 12 febbraio 2020 si è svolto a Fossano, presso la sede del Monviso Solidale, il coordinamento dei servizi sociali della provincia di Cuneo.

In questa sessione erano ospiti Gianpiero Porcheddu, Direttore della Cooperativa Sociale Cos di Alba, e Franco Fioretto, Direttore del Dipartimento di Neuropsichiatria Infantile dell’AslCN1, per presentare agli enti gestori il nuovo centro diurno socio riabilitativo “L’Approdo” di Dogliani. Si tratta di una struttura rivolta a ragazzi fra i 10 e i 18 anni con patologie complesse, psichiatriche e comportamentali. Un modello di centro diurno che potrebbe essere sviluppato anche nell’ottica di un centro “diffuso” sul territorio, per rispondere alle istanze di ragazzi che vivono a diverse ore di distanza dalla struttura.

Sono già 46 i possibili utenti candidati a frequentare il centro, segnalati dai vari servizi NPI della provincia. La struttura ha ricevuto l’accreditamento dell’Asl e il 19 marzo verrà ufficialmente inaugurato. In alcuni casi il ricorso all’inserimento in centro diurno rappresenta anche un investimento in attività di sostegno per i ragazzi che scongiuri l’inserimento in comunità, che comporta budget di spesa tre volte più onerosi rispetto al centro diurno.

Successivamente i temi all’ordine del giorno sono stati un confronto sul dibattito in essere inerente al Disegno di Legge Regionale denominato "Allontanamento Zero", un avvio dell’analisi della convenzione con l'ASL per le attività territoriali integrate socio-sanitarie in scadenza a fine anno 2020 e un confronto sulla richiesta dell'incremento ISTAT rispetto alle rette dei Centri Diurni.

comunicato stampa

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium