/ Attualità

Attualità | 17 febbraio 2020, 18:51

Prima prova superata per "Fisico": ad Alba pubblico e applausi per la tre giorni di teatro che piace ai giovani

Quasi 800 spettatori e cinque spettacoli "sold out" per il numero zero della rassegna andata in scena sui palchi del Sociale, del centro giovani H Zone e del Teatrino di via San Paolo. La soddisfazione degli organizzatori: "Obiettivi della vigilia ampiamente raggiunti"

Un momento della tre giorni di spettacoli chiusa ieri ad Alba (Ph Eunice Brovida)

Un momento della tre giorni di spettacoli chiusa ieri ad Alba (Ph Eunice Brovida)

Un numero zero certamente riuscito e tanta voglia di dare a questa nuova e originale proposta la forza per diventare una presenza costante nel calendario delle manifestazioni culturali organizzate nell’Albese.

Il giorno dopo la chiusura volgono all’entusiasmo le valutazioni con le quali i suoi promotori guardano ai primi bilanci della tre giorni di "Fisico", festival che tra venerdì e domenica ha portato nella capitale delle Langhe cinque compagnie internazionali provenienti da Italia, Francia e Svizzera, protagoniste di spettacoli ai quali si sono accompagnati partecipati workshop e momenti di approfondimento.

I dieci titoli in cartellone tra il Teatro Sociale "Busca", Il Teatrino di via San Paolo e il Centro Giovani Zona H sono andati in scena facendo registrare un totale di 760 spettatori tra ingressi e abbonamenti, con cinque "sold out" e l’assegnazione di due menzioni speciali che gli organizzatori hanno voluto assegnare alla performance "The Sensemaker" (che nelle sue tre esibizioni si è guadagnata gli applausi di ben 370 spettatori) e allo spettacolo comico "Seule en roue" (un pubblico di 74 paganti, menzione "Mauro Giorcelli").

"Siamo molto contenti innanzitutto per la notevole qualità degli spettacoli propostispiega Giovanna Stella, direttrice artistica del 'Teatrino’ e responsabile organizzativa del festival, al fianco di Marco Sugliano e del direttore artistico Tom Corradini –. Con 'Fisico' siamo riusciti a portare ai piedi delle Langhe artisti e compagnie composte da professionisti di altissimo livello, che alla prova del palco hanno confermato di meritare l’impegno profuso nella loro 'distribuzione'. Ma lo siamo anche e soprattutto perché questo particolare cartellone ha saputo catturare l’attenzione di un pubblico significativamente affollato di giovani e giovanissimi, fruitori di cultura che non sempre riescono a riconoscersi nella pur importante offerta presente sul territorio. Un dato questo che ha caratterizzato come una costante la composizione della sala presente ai vari spettacoli, con un pubblico in molti casi arrivato anche da fuori zona e alcune presenze persino dall’estero, come anche la nutrita squadra di volontari che hanno permesso che tutto questo fosse possibile".

"Quanto prima – conclude Giovanna Stella – tracceremo un bilancio più approfondito di quanto fatto, ma direi che l’obiettivo della vigilia è stato ampiamente raggiunto, con riscontri che ci confermano nell’intenzione di proseguire su questa strada".

Ezio Massucco

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Leggi le notizie della Val Bormida

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium