/ Agricoltura

Agricoltura | 26 febbraio 2020, 18:14

Reati alimentari, la soddisfazione di Coldiretti: "Passo avanti importante per smascherare l'illegalità"

Moncalvo e Rivarossa: "Le agromafie compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei nostri prodotti, simbolo del Made in Italy ed in Piemonte"

Foto generica

Foto generica

Approvato dal Consiglio dei Ministri il disegno di legge sui reati agroalimentari. Con il volume d’affari annuale del business delle agromafie che è salito a 24,5 miliardi è importante la riforma dei reati in materia agroalimentare per aggiornare le norme attuali, risalenti anche agli inizi del 1900, dalla lotta all’agropirateria e al falso made in Italy all’introduzione del reato di disastro sanitario fino alla possibilità di assegnare in beneficenza, alimenti e bevande confiscati che, seppure non commerciabili, siano utilizzabili e non dannosi per la salute.

Un risultato molto importante arrivato grazie al prezioso lavoro di squadra fra Coldiretti e Giancarlo Caselli insieme a tutti i componenti del Comitato Scientifico dell’Osservatorio Agromafie - commentano Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale -. Le agromafie compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei nostri prodotti, simbolo del Made in Italy ed in Piemonte. Gli ottimi risultati dell’attività di contrasto confermano la necessità di tenere alta la guardia e di stringere le maglie, ancora larghe, della legislazione. L’innovazione tecnologica e i nuovi sistemi di produzione e distribuzione globali - concludono Moncalvo e Rivarossa - rendono ancora più pericolosa la criminalità nell’agroalimentare che per questo va perseguita attraverso un’articolata operazione di riordino degli strumenti esistenti e di adeguamento degli stessi ad un contesto caratterizzato da forme diffuse di criminalità organizzata che alterano la leale concorrenza tra le imprese ed espongono a continui pericoli la salute delle persone”.

Nei 14 articoli che compongono il disegno di legge si rafforzano gli strumenti normativi contro illeciti agroalimentari: frodi, contraffazioni e agropiraterie. Il testo mira ad assicurare massima protezione alla filiera alimentare sin dal momento della produzione: sia a tutela del consumatore sia a tutela delle eccellenze nazionali Made in Italy. 

Le agromafie non solo si appropriano di vasti comparti dell’agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocano l’imprenditoria onesta, ma compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l’effetto indiretto di minare profondamente l’immagine dei prodotti italiani ed il valore del marchio Made in Italy.

comunicato stampa

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium