/ Saviglianese

Saviglianese | 27 febbraio 2020, 12:27

Direttore dei lavori "pinzato" con 8mila euro, lo scambio della mazzetta nelle immagini della Guardia di Finanza (VIDEO)

Il soggetto è stato tratto in arresto in flagranza di reato, successivamente convalidato dal G.I.P. del Tribunale di Cuneo. Per lui arresti domiciliari

Direttore dei lavori "pinzato" con 8mila euro, lo scambio della mazzetta nelle immagini della Guardia di Finanza (VIDEO)

Nei giorni scorsi abbiamo dato notizia dell'arresto per concussione di un professionista di Torino, direttore dei lavori di adeguamento della piscina comunale di Ivrea.

L'uomo è stato fermato dai militari mentre riceveva 8 mila euro da una ditta di Savigliano. Secondo gli inquirenti, si tratterebbe di una mazzetta per ottenere il rilascio delle autorizzazioni necessarie ad ultimare i lavori.

I dettagli dell'operazione sono stati forniti dalla Guardia di Finanza nella giornata di oggi, giovedì 27 febbraio.

I Finanzieri della dipendente Tenenza di Fossano hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un professionista residente in provincia di Torino per aver concusso un imprenditore saviglianese.

Le attività di indagine, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Ivrea, sono partite dalla denuncia dell’imprenditore. Allo stesso erano state fatte diverse richieste indebite di denaro da parte del direttore dei lavori pubblici del cantiere dove operava l’impresa della provincia di Cuneo.
                                                                                                              
L’ingegnere, incaricato dal Comune di Ivrea, procrastinava volutamente la predisposizione degli Stati di Avanzamento dei Lavori. Questo procrastinare avrebbe consentito alla ditta saviglianese di vedersi corrisposto quanto dovuto per le lavorazioni eseguite. Il direttore dei lavori, nel contempo, faceva pressanti richieste di denaro all’imprenditore.

Il saviglianese si è visto costretto, dunque, ad elargire la somma di 8 mila euro in 2 tranche al fine di non incorrere nella risoluzione a suo danno del contratto ed il conseguente accollo delle penali. I lavori venivano continuamente variati dall’ingegnere,  con il solo fine di costringere l’imprenditore a consegnargli il denaro richiesto e solo successivamente certificare la conclusione dei lavori del cantiere.

Appostatisi nelle immediate vicinanze dei locali dove si sarebbe tenuto l’incontro, all’uscita dall’edificio dell’ingegnere, i finanzieri lo hanno sorpreso con un plico di banconote (6 mila euro) all’interno del soprabito. Il successivo riscontro dei numeri seriali del denaro contante ha permesso di appurare che erano esattamente le stesse che i militari avevano precedentemente provveduto ad annotare.

Qui le immagini dello scambio della mazzetta.



Il soggetto è stato tratto in arresto in flagranza di reato, successivamente convalidato dal G.I.P. del Tribunale di Cuneo, competente per territorio il quale ha applicato la misura degli arresti domiciliari e trasmetteva, quindi, il fascicolo alla Procura della Repubblica di Ivrea.

Il risultato conseguito dalle Fiamme Gialle fossanesi a contrasto dei reati contro la Pubblica Amministrazione perpetrati da dipendenti infedeli o, come nel caso in questione, da incaricati di pubblico servizio, si inserisce nell’ambito delle attività di controllo sul buon andamento della Pubblica Amministrazione e volto a garantire il regolare svolgimento degli appalti pubblici e tutelare gli interessi della collettività.

redazione

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium