/ Al Direttore

Al Direttore | 19 marzo 2020, 13:03

Nonostante il Coronavirus l'Unione Montana Valle Maira si mette in azione per creare "benzina verde" in favore dell'economia del territorio

Due i progetti strategici, utili nell'ottica della ripartenza immediata una volta risolta l'emergenza sanitaria

Nonostante il Coronavirus l'Unione Montana Valle Maira si mette in azione per creare "benzina verde" in favore dell'economia del territorio

Gentile Direttore,

nonostante la drammatica situazione generata dall’emergenza sanitaria, l’Unione Montana Valle Maira lavora per “mettere gambe” a due progetti davvero strategici, che potrebbero rivelarsi “benzina verde” per una ripartenza immediata di un’economia gravemente compromessa dalle misure restrittive necessarie ad arginare un virus, che ha tutte le caratteristiche di un conflitto bellico.


Il primo afferisce al settore turistico: indiscussa vocazione economica della Valle. L’Unione Montana, con il consenso unanime di tutti i Sindaci dei comuni della Valle, ha deciso di integrare l’incasso della tassa di soggiorno, che sicuramente non raggiungerà i livelli del primo anno di istituzione, al fine di sostenere adempimenti trasversali al territorio: gestione e potenziamento degli uffici turistici, pulizia dei sentieri e promozione turistica, affiancando le eccellenti attività messe in campo, con piena soddisfazione di tutti, dal “giovane” consorzio che da inizio 2019 lavora in maniera coordinata e condivisa.


Questa decisione va letta come segnale di piena collaborazione fra ente pubblico ed economia privata di Valle.


L’ufficio turistico intanto, lavorando in smart working, sta progettando una carta dei servizi ed un calendario di escursioni di vario tipo, per potenziare ed allungare la stagione turistica, offrendo un’ampia gamma di offerte rivolte sia ad un mercato interno italiano, sia mantenendo i contatti con altri paesi europei da dove abitualmente giungono i nostri ospiti, tutto questo in ottica di compensazione ad eventuali disdette di prenotazioni.


Il secondo progetto, invece, afferisce al settore: Ambiente ed Energia. Il 04/03 u.s la Regione Piemonte, con propria determinazione, ha concesso all’Unione Montana Valle Maira un contributo per la costituzione di una Comunità Energetica che coinvolge il territorio soggetto alla strategia Aree Interne (Valli Maira e Grana) pari a € 10.000,00.


Giovedì scorso, 12 Marzo, il Presidente dell’Unione Montana Valle Maira Valerio Carsetti, l’Assessore Alessandro Agnese, l’Assessore di Elva Mariano Allocco, in videoconferenza, presso l’AFP, hanno organizzato un incontro tecnico con il Vicepresidente Regionale Fabio Carosso e l’Assessore Regionale Matteo Marnati, competente per le politiche ambientali ed energetiche, che insieme ai loro tecnici, hanno ragionato su un progetto di Comunità energetica territoriale.


Il tema affrontato è stato la valorizzazione delle misure compensative verso il territorio all’interno del disegno di legge n.87 03/03/2020 “Assegnazioni delle grandi derivazioni ad uso elettrico”. L’Unione Montana ha proposto un modello, studiato dall’Ufficio Ambiente ed Energia del Comune di Dronero, che era presente all’incontro, per tutelare le risorse del territorio: fondamentale garantire all’acqua una corretta gestione, salvaguardandola come patrimonio locale.


Sono stati analizzati temi concreti e proposte soluzioni che andranno sistematizzate in un Piano Operativo, nella consapevolezza che questa Valle potrebbe garantire competenze distintive e un insieme di professionalità degne di raggiungere l’obiettivo. Una convergenza di politiche territoriali nella quale l’Unione Montana giocherà una partita importantissima: un ruolo di regia e di tutela delle risorse territoriali con il riconoscimento di diritti sulle grandi derivazioni.


“C’è interesse da parte della Regione ad analizzare il Modello proposto dalla Valle Maira che rappresenterebbe una scelta storica in controtendenza, in grado di portare al territorio benefici di sviluppo e di benessere sociale, del tutto auspicabili”.


“Gestire con spirito imprenditoriale la questione energia con una visione a medio lungo termine”, faceva parte della strategia deliberata all’atto di insediamento della nuova Amministrazione dell’Unione Montana, votata all’unanimità da tutti i sindaci lo scorso anno, nella quale si ipotizzava la creazione di una “Comunità Energetica di valle”.


Ebbene il primo traguardo è stato raggiunto con successo!


Grazie,

Alessandro Agnese

comunicato stampa

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium