/ 

Che tempo fa

Cerca nel web

| 11 gennaio 2019, 14:33

Dopo due anni di chiusura “forzata” riapre l’ufficio postale di Ostana

A gennaio 2017, dopo il rinvenimento di una crepa in un muro, la dichiarazione di inagibilità dei locali di fianco al Municipio. Grazie al lavoro del Comune individuata una soluzione alternativa, accettata da Poste Italiane, per scongiurare la chiusura definitiva del presidio

L'ingresso del nuovo ufficio postale di Ostana

L'ingresso del nuovo ufficio postale di Ostana

Dopo due anni riapre, a Ostana, l’ufficio postale.

Nel gennaio del 2017, infatti, il gruppo Poste Italiane aveva deciso di chiudere i locali nello stabile vicino al Municipio. La decisione di allora era stata motivata con la “scoperta” di una crepa sui muri dei locali adibiti a sportello.

Dopo il rinvenimento dell’anomalia, dal punto di vista strutturale, erano state svolte analisi e verifiche che, però, avevano portato alla dichiarazione di inagibilità dei locali.

L’ufficio postale del paese non aveva quindi potuto riaprire. Un imprevisto che, specialmente nei piccoli comuni montani, avrebbe potuto col tempo trasformarsi in una chiusura definitiva, con la conseguente perdita di un prezioso servizio per l’alta Valle.

Per scongiurare questa eventualità l’Amministrazione comunale del sindaco Giacomo Lombardo si era messa subito all’opera, valutando una serie di soluzioni alternative. Tra queste, il trasferimento in una nuova sede, all’interno dei locali del “Valentin”, scelta poi dalle Poste come soluzione ottimale.

L’ufficio si trova dunque alle porte del paese e rimarrà aperto tre giorni a settimana: lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 8.20 alle 13.45.

Prima della riapertura, si sono resi necessari alcuni interventi di adeguamento dei locali messi a disposizione del Comune. Il costo dei lavori, dopo un “braccio di ferro” tra Comune e Poste Italiane, è stato preso in carico dalle Poste Italiane.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore