/ Monregalese

Affari & Annunci

Ragazza 27enne con esperienza cerca lavoro come commessa, pulizie, stiro o segretaria in Cuneo e dintorni. No lavori porta a porta o network marketing. Disponibile da subito. Tel....

Stokke® Sleepi(TM) Mini Parte del concetto 4-in-1 Stokke® Sleepi(TM) Letto originale in ottime condizioni vendesi colore Bianco. con accessori quali asta porta velo,velo,...

Betoniera elettrica monofase 180 litri usata pochissimo, praticamente nuova. Vendo per completo inutilizzo. Da anni ricoverata al coperto in garage.

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Monregalese | mercoledì 01 febbraio 2012, 09:19

Valle Tanaro: una decina di furti in poco più di una settimana

Le forze dell’Ordine invitano a segnalare presenze sospette e situazioni anomale per facilitare i controlli

Il capitano Marco Passarelli (copyright targatocn.it)

Lo scorso mercoledì mattina davamo notizia di quattro furti consumati a Ormea in due notti. Nel corso della settimana se ne sono verificati altri, un po’ in tutti i paesi della Valle Tanaro, da Ormea, appunto, a Nucetto passando per Garessio, Priola e Bagnasco. Furti a catena sempre piuttosto simili nella condotta e nel bottino, modico, fra i 100 e i 200 euro. I ladri entrano forzando finestre o manomettendo portoni d’ingresso, agiscono indisturbati mentre i proprietari dormono e prelevano in fretta quel poco che trovano con più facilità.

A confermarlo il Comandante della Compagnia Carabinieri di Mondovì Capitano Marco Passarelli che precisa: “I furti denunciati sono circa una decina. I servizi notturni in Val Tanaro sono stati intensificati. Invito i residenti a segnalare alle forze dell’ordine qualsiasi anomalia o situazione particolare che possa creare dubbi. Ogni informazione può essere utile ai controlli e all’individuazione”.

Un caso che ha fatto discutere in valle dove, da qualche giorno, si respira, inevitabilmente, aria di tensione fra i cittadini. “Importante è ricordarsi di chiudere bene qualsiasi punto di accesso in casa dall’esterno – conclude Passarelli – per evitare di facilitare i malviventi e utilizzare accortezze a cui, magari, qualcuno è poco abituato considerato che da tempo non si verificavano furti in questa valle, generalmente meno soggetta rispetto ad altre aree”.

A.B.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore