Eventi | giovedì 18 settembre 2014 01:34

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Ricerca

Eventi | sabato 27 ottobre 2012, 19:22

Cuneo, una città invasa da lumache, suricati, conigli: è tempo di Cracking Art

Condividi |  

Oggi una intera via era invasa da grandi forme di plastica di animali. La collezione di Cracking Art che anima la città e le frazioni ottiene la curiosità e gli apprezzamenti dalla gente. In città anche SkyArte, canale tematico di Sky sull'Arte

Affidiamo la presentazione dell'evento al dott.Quiriti che parla dell'iniziativa Cracking Art a Cuneo

 

 

L’installazione “incursion” porta  per la prima volta a Cuneo le opere collettive  di uno dei gruppi più originali e conosciuti del panorama artistico internazionale dopo che le loro opere, dall’ 8 ottobre, invaderanno  il Duomo di Milano (prima installazione di arte contemporanea mai realizzata sul monumento simbolo della città) con 50 sculture chiocciola. Un evento realizzato per contribuire alla raccolta fondi per il restauro delle guglie della Cattedrale. Negli spazi della Galleria Skema5 verrà inoltre allestita una mostra delle opere personali dei sei appartenenti al gruppo Cracking. Si avrà così l’occasione di apprezzare in modo completo tutta la creatività espressiva che li contraddistingue. Il Cracking Art Group è composto da : Renzo Nucara ,1955,  Crema/Italia – Marco Veronese ,1962, Biella/Italia – Alex Angi ,1965, Cannes/Francia – Carlo Rizzetti ,1969, Bruxelles /Belgio – Kicco ,1969, Biella/Italia – William Sweetlowe,1948, Ostenda/Belgio.

La plastica, frutto del cracking catalitico (da cui il nome del gruppo) che trasforma il petrolio in materia organica, ha in sé le radici di una storia che dura da millenni: quella dell’uomo e del suo mondo. Una storia piena di trasformazioni e di avvenimenti, un brano culturale vastissimo e profondo, in cui natura umana, artificiale e ambientale si uniscono in una formula concettuale che ha sfidato le norme attuali dell’arte contemporanea, scegliendo una modalità espressiva che unisce le logiche del Gruppo a quelle dell’indagine individuale. Si esprime per azioni performative coinvolgenti, in cui animali colorati e decisamente fuori scala invadono i luoghi più vari, da quelli deputati all’arte a quelli della vita più quotidiana, dai supermercati alle autostrade. La dimensione del Gruppo, che vanta partecipazioni a rassegne  internazionali (per due volte presenti ufficialmente alla Biennale di Venezia) e mostre dedicate in musei e fondazioni, non limita l’espressione individuale di questi sei artisti che lavorano anche come singoli interpretando, ciascuno secondo le proprie urgenze, le problematiche e le tensioni del nostro tempo. La manifestazione, per quanto riguarda gli spazi aperti di Cuneo, cercherà di “ trasformare” l’immagine abituale della città proiettandola in una fiaba contemporanea e realizzando così una mostra d’avanguardia fruibile a tutti, allegra e originale, che fornisce spunti di riflessione sull’evoluzione della vita e dell’ambiente attraverso l’arte.

G.C.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore