Solidarietà | venerdì 19 settembre 2014 13:49

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Ricerca

Solidarietà | martedì 05 giugno 2012, 14:21

La Coldiretti Cuneo dal 13 giugno venderà il Parmigiano terremotato nei mercati di Campagna Amica

Condividi |  

Un modo concreto per aiutare un settore che ha subito danni per 150 milioni di euro e un'iniziativa di solidarietà che mira ad evitare le speculazioni

Per fare ripartire al più presto l'economia nei territori colpiti dal sisma in Emilia Romagna ed evitare le speculazioni, ad opera di intermediari senza scrupoli, Coldiretti partecipa ad un’iniziativa di solidarietà per la vendita del Parmigiano Reggiano, recuperato dopo il crollo dei magazzini di stagionatura distrutti dal terremoto.

Oltre 633.700 forme di Parmigiano Reggiano sono state danneggiate. Il danno riguarda soprattutto le forme giovani di pochi mesi, ma il conto rischia di aggravarsi per effetto delle continue scosse che mettono a dura prova la stabilità delle strutture, oltre che per il naturale calo di produzione.

Il Parmigiano Reggiano è tra i prodotti più danneggiati dal sisma, secondo i dati dei Consorzi di Tutela e una prima stima indica in 150 milioni di euro i danni.

“Occorre stare in guardia dalle offerte di sciacalli, che cercano di accaparrarsi grandi quantità dei prestigiosi formaggi a prezzi irrisori e insostenibili per i produttori – dicono Marcello Gatto e Bruno Rivarossa, rispettivamente presidente  e direttore di Coldiretti Cuneo. Per questo, in linea con le azioni promosse dalla Coldiretti a livello nazionale, ci siamo attivati per la vendita di parmigiano ‘terremotato’, in collaborazione con la cooperativa agricola LocalMente che gestisce la Bottega di Campagna Amica di Fossano”.

“Nel Cuneese - continua il presidente di Coldiretti Cuneo - arriveranno forme di Parmigiano a stagionatura mista, da 12 a 24 mesi, che saranno frazionate e confezionate sotto vuoto in pezzi da un chilogrammo, per andare incontro alle esigenze delle famiglie. Il prezzo di vendita al consumatore sarà interamente girato ai produttori emiliani, tranne alcune oggettive spese vive”.

“Un modo concreto per esprimere solidarietà a quanti hanno perso, in una situazione già di grave difficoltà per la crisi economica, anni di lavoro - conclude Bruno Rivarossa - e che hanno necessità di far ripartire al più presto il sistema produttivo della cosiddetta ‘food valley italiana’, che produce alcune tra le eccellenze agroalimentari nazionali, evitando quelle forme speculative che danneggiano ulteriormente un sistema virtuoso, assicurando un aiuto immediato ai produttori emiliani”.

 

Di seguito, i punti vendita in cui sarà possibile effettuare l’acquisto:

Non appena sarà disponibile, presumibilmente a partire da mercoledì 13 giugno fino ad esaurimento scorte, presso la Bottega di Campagna Amica di Fossano in piazza Dompè, 30 e nei seguenti mercati: venerdì 15 giugno a Bra, in piazza Carlo Alberto (mattino); sabato 16 giugno a Cuneo presso il Mercato di Campagna Amica in Corso Francia, Palazzo Pegaso (mattino); sabato 16 giugno ad Alba, nella piazza antistante al Tribunale (mattino); martedì 19 giugno a Savigliano, presso il Mercato di Campagna Amica, in piazza Cesare Battisti (mattina); mercoledì 20 giugno a Saluzzo, in piazza Cavour (mattino); sabato 23 giugno a Mondovì, in piazza Ellero (mattino).

  

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore