/ Fossanese

Fossanese | 11 aprile 2012, 13:25

La Pro Loco presenta in anteprima la 39esima Sagra delle Quaquare

Si punta su tradizione, innovazione e qualità

La Pro Loco presenta in anteprima la 39esima Sagra delle Quaquare

E’ partita nel week-end scorso la corsa alle prenotazioni per la cottura delle Quaquare genolesi nel forno comunitario di via Roma. Un atto che da sempre apre il periodo dedicato all’originale ed ottimo dolce che caratterizza Genola e che quest’anno ha portato con sé anche la prima bozza del programma della festa che si terrà per tutta la seconda metà del mese di maggio. Una sagra che sarà interamente gestita dalla rinnovata Pro Loco cittadina e che abbiamo provato a farci raccontare in anteprima dai membri dell’associazione.

Quest’anno il programma della Sagra delle Quaquare è stato presentato con molto anticipo, è una precisa scelta della Pro Loco? "A dir la verità non si tratta di una novità introdotta da noi. Infatti, il programma della Sagra da parecchio tempo viene definito nelle sue linee essenziali in questo periodo anche se poi rimaneva patrimonio di pochi fino a poche settimane dalla sagra. Questa è una scelta dettata dal fatto che alcuni aspetti organizzativi necessitano di essere decisi con largo anticipo, per poi essere limati fino a poche settimane prima dall'inizio della festa. La nostra innovazione è stata quella di approfittare del sito internet comunale, pubblicare il calendario appuntamenti con largo anticipo e poi lavoraci su magari anche con qualche suggerimento che arrivava dall’esterno".

Leggendo il programma si nota che rispetto al passato ci sono parecchie novità. Come siete arrivati a questa formulazione e cosa caratterizza l’edizione 2012 della Sagra? "E’ vero, quest’anno la Sagra prende una piega leggermente diversa dalle edizioni passate. L’idea è, infatti, quella di creare un percorso che porti la Quaquara ad essere realmente valorizzata. Un risultato che pensiamo di poter raggiungere puntando su tre linee guida: tradizione, innovazione e qualità. Un esempio per ognuna di queste linee può chiarire meglio il concetto. Tradizioni: l’impostazione portante della sagra rimarrà quella delle precedenti edizioni, ma per lasciare un’impronta di orgoglio genolese abbiamo pensato di organizzare, in via Roma, un grande pranzo la domenica di San Marziano. Un banchetto che sarà esclusivamente a base di prodotti provenienti dal suolo genolese. Latte, carne, verdura e uova, arriveranno, infatti, dalla aziende del paese e dall’orto della scuola elementare. Innovazione: saranno promossi giri turistici nelle aziende per capire da dove arrivano i prodotti, verrà insegnato ai bambini l’intero iter della preparazione delle Quaquare, sarà organizzato il primo raduno di vespe, lambrette e Moto Guzzi d’epoca. Una dimostrazione con tanto di e gara a tempo. Qualità: ultima, ma non per importanza, quest’anno sarà la parola che ci farà da bussola a tutto ciò che organizzeremo e faremo. La qualità sarà nel servizio offerto durante ogni giorno di sagra, sarà in ogni singola consumazione, dalla birra alla pizza, dalla salsiccia alla musica, ogni singolo dettaglio sarà curato per offrire una quattro giorni di sagra come non si è mai visto nel nostro paese".

Cesare Cavallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium