/ Cronaca

Cronaca | 24 agosto 2013, 15:37

Dopo il satanismo e la rivolta dei migranti, ecco il prof di italiano che amava Dante… e le minorenni: non c’è pace per la ricca e perbenista Saluzzo

Da sei mesi l’ex capitale del Marchesato è sotto la lente d’ingrandimento dei media: sempre per episodi non propriamente edificanti

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Il professore di storia e di italiano che amava Dante. E  le minorenni. Questo sarebbe stato Valter Giordano, 57 anni, finito in carcere per aver “ospitato” nel proprio letto un paio di studentesse minorenni del liceo “Soleri” (ancora lui). Al professore – un modello d’insegnante, il docente che tutti vorrebbero vedere seduto alla cattedra della propria aula per ammissione di più di un allievo, ma evidentemente anche un vero e proprio "Giano bifronte”, com’è stata battezzata l’inchiesta che lo ha portato “dentro” – è stato contestato anche il reato di detenzione di materiale pedopornografico.

A casa sua, a Savigliano, avrebbe custodito una vera e propria raccolta di “trofei di guerra”, fatta di lettere, messaggi, regali oltre ad alcune foto erotiche, scattate mentre si intratteneva, nella propria abitazione, con una delle studentesse minorenni. A lui si sarebbe arrivati seguendo un pista che portava ad un’altra brutta storia tutta saluzzese ed ancora tutta da scoprire: quella del satanismo e dei suicidi di alcuni adolescenti o poco più ad esso forse in qualche modo collegati. 

Un’inchiesta che anche allora tirò in ballo lo stesso identico liceo “Soleri”. Un’altra brutta storia, che tutti, in città, dal sindaco Paolo Allemano alla preside dell’Istituto Alessandra Tonioli, si sono affrettati (troppo?) ad allontanare dall’ex capitale del Marchesato. 

Le indagini sono ancora in corso, ma sembra certo che col satanismo ed i suoi lugubri riti, però, il professor Giordano non avrebbe assolutamente nulla da spartire.

Un uomo di un certo spessore professionale e culturale che godeva di grande stima e considerazione da parte dei colleghi e degli studenti tanto da diventare per molti di essi un punto di riferimento, tranne poi trasformarsi di notte  in un focoso amante per alcune studentesse” ha detto di lui il capitano Tommaso Gioffreda, comandante la Compagnia di carabinieri di Savigliano.

Mentre l’inchiesta prosegue con il dichiarato fine di scoprire se altre minorenni, oltre alle due di cui si ha ragionevole certezza, abbiano avuto rapporti sessuali con l’uomo (e magari abbiano avuto sinora timore di venire allo scoperto), il popolo della rete, diviso fra chi accusa il prof e chi le studentesse con epiteti irripetibili, ha già emesso le sue sentenze. L’una contrapposta all’altra, come sempre avviene quando di mezzo ci sono argomenti così delicati.

Nei giorni scorsi le pietre che lastricano corso Italia, il luogo più in della citta, dove la sera ci si dà appuntamento senza distinzioni di generazioni, sono state calcate dalle troupe delle maggiori reti televisive italiane. Ancora una volta per un fatto di cronaca. Dopo i casi di presunto satanismo e la rivolta dei “neri”, di questo professore forse un po' così la Saluzzo patinata di ricchezza e perbenismo avrebbe fatto volentieri a meno.

Frattanto Valter Giordano resta in carcere, a Saluzzo: il Gip Alberto Boetti ha respinto la richiesta di revoca o sostituzione della misura cautelare. I difensori del professore  hanno già presentato ricorso contro la decisione al Tribunale della Libertà di Torino.

J.M.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium