/ Attualità

Attualità | 09 gennaio 2014, 07:08

“Bottega Scuola Giovani”, contributi della Provincia per i tirocini dei giovani

Per aprire sbocchi occupazionali nei settori dell’artigianato, piccola industria e commercio locale

“Bottega Scuola Giovani”, contributi della Provincia per i tirocini dei giovani

Entro il 31 gennaio i Comuni e le Unioni di Comuni che intendono avvalersi dei contributi previsti dall’apposito bando possono presentare alla Provincia richiesta di rimborso spese per progetti di politica attiva del lavoro consistenti in tirocini di inserimento lavorativo destinati ai giovani tra i 18 e i 29 anni. La Provincia ha pubblicato un avviso pubblico per il sostegno al reddito e tutoraggio dei tirocini da attivare nell’ambito del progetto di inserimento lavorativo “Bottega Scuola Giovani – Cuneo” che si avvale del finanziamento di Regione Piemonte e Presidenza Consiglio dei Ministri (Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale).  I tirocini si svolgeranno in aziende medio-piccole, con non più di 25 dipendenti, operanti in tre settori:  commercio o ristorazione-alberghiero; piccola produzione industriale; artigianato (imprese iscritte all’albo delle imprese artigiane), che abbiamo sede legale o unità produttiva sul territorio provinciale.

“In un periodo di crisi come quello attuale – spiegano la presidente Gianna Gancia e l’assessore al Lavoro e Politiche giovanili Pietro Blengini -, l’iniziativa è  una scommessa sul futuro che portiamo avanti grazie anche a un significativo contributo della Camera di Commercio. Vorremmo che i giovani potessero fare una prima esperienza di lavoro che consenta loro di apprendere delle competenze professionali, ma anche di valutare delle possibilità future di imprenditoria locale”.

Lo scopo di “Bottega Scuola Giovani” è quello di promuovere e sostenere l’inserimento lavorativo dei giovani in percorsi di eccellenza locale, così da aprire sbocchi occupazionali anche nel settore delle arti e mestieri della tradizione locale, nonchè favorire politiche territoriali di sviluppo economico. Il progetto si inserisce nel quadro tracciato dalla Commissione europea nel documento di lavoro “Un quadro di qualità per i tirocini”, presentato nel 2012 nell’ambito della comunicazione “Verso una ripresa fonte di occupazione”. Il tirocinio è considerato uno strumento fondamentale di inserimento dei giovani nel mondo del lavoro ed è ritenuto una misura formativa di politica attiva per l’acquisizione di competenze professionali e l’inserimento o il reinserimento lavorativo.

I tirocini consistono in un periodo di orientamento al lavoro e di formazione, con un sostegno al reddito per far acquisire o accrescere il portfolio personale di esperienze lavorative dei giovani inseriti nel progetto, sostenerli nella ricerca attiva del lavoro e favorire loro uno sbocco occupazionale. I percorsi saranno strutturati in modo da offrire (ove possibile) specifiche azioni di politica attiva del lavoro (orientamento al lavoro e/o servizi per sviluppare l’adattabilità dei giovani), la cui frequenza è obbligatoria, per i giovani, per beneficiare del sostegno al reddito e, per le aziende, per ottenere i benefici loro rivolti (rimborso spese per tirocinio, tutoraggio, incentivo per l’assunzione).

Possono partecipare i giovani da 18 a 29 anni, domiciliati o residenti in provincia di Cuneo, in possesso dei seguenti requisiti: condizione di disoccupazione o inoccupazione (senza specifica anzianità di iscrizione), risultante dall’iscrizione presso i Centri per l’Impiego provinciali; non essere percettori di ammortizzatori sociali; assolvimento dell’obbligo scolastico. I ragazzi saranno individuati direttamente dall’azienda anche avvalendosi della mediazione del servizio di pre-selezione (attività di matching) del Centro per l’Impiego o dei canali del Settore Formazione Professionale, in modo da intercettare coloro che frequentano o sono appena usciti da corsi di formazione affini ai settori di intervento oppure in uscita dai corsi dell’obbligo formativo).

R.T.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium