/ 

In Breve

| 03 febbraio 2014, 19:02

Otto anni in un camper con il sogno del vino

Grandi i vini di Simone Scaletta, vigneron a Monforte d’Alba

Otto anni in un camper con il sogno del vino

Dire che il mondo dell’enogastronomia sia ormai popolato da furbi e furbetti che danno vita a un teatrino sempre meno edificante, immagino sia scontato. In nome del marketing i lupi si vestono da agnelli e parlano di territorio, di agricoltura e di valori intendendo però affari, business e tornaconto. In nome del marketing, pur di farsi notare, in barba alla (presunta) qualità di un prodotto si inventano etichette e nomi improbabili, se con triviali riferimenti è anche meglio.

 

Sempre meno contadini e gente vera, sempre più markettari disposti a tutto, pur di vendere?

Parrebbe di sì, o forse, e voglio crederlo, il fumo gettato negli occhi da chi non ha scrupoli e vuole essere ad ogni costo alla ribalta, è così denso da impedirci di vedere gli esempi positivi che ci sono stati, ci sono e, speriamo, ci saranno sempre.

Incontrare Simone Scaletta che da undici vendemmie produce vino a  Monforte d’Alba mi ha messo allegria regalandomi la certezza che i poeti della terra esistono ancora, a dispetto di tutti i falsi profeti.

La sua storia sembra uscita da un romanzo e, probabilmente, se fosse un vigneron francese o americano, lo potrebbe diventare. Invece è in Piemonte dove tutto (o quasi) è discrezione e sono in pochi a conoscere le sue vicende.

Torinese, laureato in Scienze Politiche, una carriera in un settore totalmente diverso, una passione che non è riuscito a tenere a bada. Voleva fare il vino. Per questo si è trasferito in Langa e per imparare ha lavorato in diverse cantine con mansioni diverse di volta in volta e, alla fine, con enormi sacrifici, si è comprato delle vigne e del terreno per impiantarne di nuove.

E “enormi sacrifici” non è solo un modo di dire, perché per otto anni ha abitato in un camper. Tanto è stato il tempo che ci è voluto per produrre e vendere abbastanza vino da potersi costruire una casa. Ovviamente prima la cantina e poi la casa. Ora ci sono entrambe e c’è soprattutto il vino, solo  ventimila bottiglie suddivise tra Dolcetto d’Alba, Barbera d’Alba, Nebbiolo d’Alba e Barolo, il cui denominatore comune è l’eleganza. Una qualità che, nel complesso e frastagliato panorama dei vini di Langa, lo ha fatto notare e apprezzare.

Eleganza, come si è detto, e anche equilibrio. Vini che affascinano e soprattutto che finiscono senza che ce ne si accorga. Compreso e soprattutto il Barolo Chirlet, il mio preferito, che si lascia bere senza mettere in soggezione, senza che si abbia l’impressione di dover meditare a ogni sorso. Un vino complesso, ma che ha il grande pregio di non essere pretenzioso, solo tanto tanto buono.

 

 

Paola Gula

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium