ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / 

| 22 aprile 2014, 16:27

Destinazione 5 per mille dell'IRPEF a favore del Comune di Cuneo

Per l'anno 2014 è stata confermata la possibilità per i contribuenti di destinare il 5 per mille delle trattenute IRPEF per finanziare le attività sociali svolte dal Comune di residenza

Destinazione 5 per mille dell'IRPEF a favore del Comune di Cuneo

Il Comune di Cuneo, in continuità con quanto fatto negli ultimi 3 anni, ha stabilito che le somme raccolte con il 5 per mille saranno destinate all’attività di contrasto alla violenza contro le donne, in particolare per il sostegno alla Rete Antiviolenza Cuneo (per maggiori informazioni su cos’è la Rete: www.comune.cuneo.gov.it/attivita-promozionali-e-produttive/pari-opportunita/violenza-contro-le-donne/rete-antiviolenza-cuneo.html) e al progetto “Spesa”, per il sostegno e la distribuzione alle famiglie in difficoltà economica di buoni acquisto da utilizzare per la spesa alimentare negli esercizi commerciali convenzionati.

La scelta di destinare il 5 per mille non comporta maggiore spesa a carico del contribuente e non è alternativa all'8 per mille, in quanto entrambe possono essere espresse. Non firmare per il 5 x mille non consente alcun risparmio, perché i fondi sono comunque destinati allo Stato.

Nella dichiarazione dei redditi 2013 (riferita ai redditi del 2012) sono stati raccolti € 25.417,12 da 1066 cuneesi che hanno scelto di destinare il 5 per mille a sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di Cuneo, in particolare all’attività di contrasto alla violenza contro le donne, per sostenere la Rete Antiviolenza Cuneo.

Anche nei due anni precedenti, ossia dichiarazione redditi 2012 (riferita ai redditi del 2011) e dichiarazione dei redditi 2011 (riferita ai redditi 2010), il Comune di Cuneo, tramite gli Assessorati alle Pari Opportunità e Socio-Educativo, aveva già individuato come progetto prioritario l’attività di contrasto alla violenza contro le donne, con l’attivazione di un servizio dedicato alle donne vittime di violenza, da realizzarsi in collaborazione con il Consorzio Socio assistenziale del Cuneese (CSAC).

I fondi raccolti con la dichiarazione dei redditi presentata nel 2010 (e relativa ai redditi 2009) erano stati invece destinati alla realizzazione della residenza guidata per la terza età sita in Corso Nizza. Erano così stati raccolti € 26.192,633 da 1.097 cuneesi che avevano scelto di destinare il 5 per mille del proprio IRPEF al Comune di Cuneo per progetti di carattere sociale.

I fondi raccolti con la dichiarazione dei redditi presentata nel 2009 (e relativa ai redditi 2008) erano stati destinati alla costruzione del nuovo micronido di via Carlo Emanuele, con € 35.404,22 raccolti da 1.366 cuneesi.

Come fare

Per destinare il 5 per mille utilizzare l'apposito modulo allegato:

al CUD (il modulo per la scelta della destinazione del 5 per mille è consegnato dal datore di lavoro al lavoratore insieme al modello CUD);

oppure al 730;

oppure al modello UNICO persone fisiche anno 2013;

Firmare nell'apposito riquadro (senza alcuna identificazione del Comune) dove è riportata la scritta: "sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di residenza".

I contribuenti che non presentano il 730 possono destinare il 5 per mille solo se nel CUD 2013 al punto 5 parte B dati fiscali, sono indicate ritenute.

In questo caso il modulo va presentato in apposita busta chiusa con la scritta "scelta per la destinazione dell'otto e del cinque per mille dell'IRPEF", il codice fiscale, il cognome e nome del contribuente.

Dove e quando

Scadenze per la presentazione scelta del 5 per mille

La scelta va effettuata entro lo stesso termine di scadenza previsto per la presentazione della denuncia dei redditi:

MODELLO 730

Entro il 30.04.2014 se il modello è presentato al sostituto d'imposta o ente pensionistico;

entro il 31.05.2014 se il modello è presentato ad un CAF o a un professionista abilitato.

MODELLO UNICO

Entro il 30.06.2014 se il modello è presentato in formato cartaceo presso le Poste;

entro il 30.09.2014 se il modello è inviato per via telematica dal contribuente o tramite un intermediario abilitato.

I contribuenti esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi possono ugualmente donare il 5 per mille consegnando gratuitamente la sola busta con la scelta:

entro il 30.06.2014 allo sportello di un ufficio postale che provvederà gratuitamente a trasmetterlo all’Amministrazione finanziaria

entro il 30.09.2014 ad un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (commercialista, CAF)

c.s.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium