/ Eventi

Eventi | 09 ottobre 2014, 16:56

Il Cammino dei Briganti, sentieri e mulattiere dimenticati tornano al vecchio splendore

Un cammino di 7 giorni, tra i 700 e i 1300 metri di altitudine, percorribile tutto l'anno

Il Cammino dei Briganti, sentieri e mulattiere dimenticati tornano al vecchio splendore

"Adottare" un sentiero è possibile. Tracciarne nuovamente il percorso, ripulendolo dall'oblio, dandogli visibilità, invitando i viandanti a ritornare a calpestare la terra che migliaia di italiani avevano già attraversato secoli fa.

E’ da questo desiderio che nacque qualche anno fa, da un'idea di Luca Gianotti, fondatore e guida esperta de La Compagnia dei Cammini, il Cammino dei Briganti: non un percorso esistente, ma un cammino che unisce vecchi sentieri e mulattiere, in parte chiusi e abbandonati da anni, per formarne uno nuovo da  realizzare in 7 giorni.

Il percorso si svolge a quote medio-basse e torna su quelle che erano le orme dei briganti della Banda di Cartore, tra Abruzzo e Lazio: Val de Varri, Valle del Salto e le pendici del Monte Velino. In questa zona sono tante le storie di brigantaggio: la Banda di Cartore in più occasioni si trovò a fronteggiare l'invasione dell’esercito sabaudo e furono numerose le stragi, anche tra i civili. Storie ormai dimenticate, ma su cui è ancora opportuno riflettere per analizzare in profondità l'Italia, le sue origini, la sua storia, il suo futuro: i briganti non erano malviventi, erano più simili ai partigiani, lottavano contro l’invasione dei Sabaudi che avevano costretto il popolo a entrare nell’esercito. Erano spiriti liberi, che non volevano assoggettarsi ai nuovi padroni, e per questo erano entrati in clandestinità. Una storia fatta anche di rapimenti, riscatti, e tanta violenza. Una storia di 150 anni fa.

"Abbiamo costruito questo cammino a fasi" illustra Luca Gianotti. "Man mano che procedevamo il percorso si allargava per far entrare altri territori bellissimi che non potevamo trascurare. Abbiamo camminato e perlustrato tanto, poi individuato i percorsi migliori e i sentieri infrascati che abbiamo riaperto con roncole, forbici e altri attrezzi. Abbiamo poi segnato tutto con vernice bianco-rossa, secondo gli standard europei di segnatura dei sentieri. La Compagnia dei Cammini da tempo sostiene queste iniziative, perché valorizzare gli antichi percorsi a piedi, significa valorizzare storia, cultura e bellezza della nostra Italia".

Riaprire vecchi sentieri, per trasformarli in cammini percorribili da escursionisti è un'attività che molti viandanti si impegnano a realizzare. Continua Gianotti: “Un genere di lavoro che necessita anche del supporto delle istituzioni. Per il Cammino dei Briganti ci auguriamo che gli enti locali e regionali si accorgano di questo progetto e lo supportino. E’ un territorio dalle grandi possibilità, con un turismo a basso impatto, fatto di piccoli numeri che però restano costanti tutto l’anno”.

L'Italia custodisce ancora un ricco patrimonio di vie e sentieri che sono dimenticati da secoli e che ora potrebbero tornare all'antico splendore grazie agli italiani e alla loro passione il cammino.

Tracce gps gratuite disponibili online e una mappa in formato cartaceo del Cammino dei Briganti faciliteranno l'accesso al Cammino che già è diventata meta di amatori e appassionati.

 

c.s.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium