/ Cronaca

Cronaca | 22 gennaio 2015, 20:04

Perseguita ex convivente con un sistema di localizzazione gps: denunciato stalker tecnologico di Cuneo

Nel 2014 sono stati 75 i casi di stalking di cui si sono occupate le stazioni dei Carabinieri della provincia di Cuneo

Perseguita ex convivente con un sistema di localizzazione gps: denunciato stalker tecnologico di Cuneo

Dovrà soggiacere ora ad una sorta di “contrappasso dantesco” lo stalker tecnologico denunciato dai Carabinieri della Stazione di Cuneo, guidati dal Luogotenente Ignazio PALMAS, che da alcuni mesi perseguitava l’ex moglie impedendole, nei fatti, di condurre una vita privata e di avere relazioni od amicizie con altre persone. E' stato sottoposto ad una misura limitativa della libertà personale che gli impedisce di avvicinarsi alla vittima mediante l’apposizione del braccialetto elettronico.

L’uomo, un artigiano 45enne cuneese, dopo che la convivente, una dipendente pubblica 40enne che lavora in città ed abita in provincia, lo aveva lasciato, non se ne era fatto una ragione ed anzi continuava a molestarla minacciandola di tornare insieme a lui.

La situazione per la donna è poi peggiorata quando lui si è ingegnato, comprando sul web un dispositivo per la geo-localizzazione satellitare (come è emerso dalla indagini) che, in modo fraudolento, aveva installato sull’auto della ex riuscendo così a seguirne ogni suo spostamento. Tutte le volte che lei infatti usciva con amici, si recava sul luogo di lavoro o semplicemente andava a fare la spesa, lui le si parava davanti all’improvviso impendendole ogni spostamento tanto che la donna quasi non usciva più di casa e non si allontanava dal luogo di lavoro.

Un giorno la donna, dopo aver portato la sua auto in officina per il tagliando, è stata informata dai meccanici del fatto che sotto il telaio del veicolo vi era un dispositivo di segnalazione satellitare. A quel punto la donna ha immediatamente l’intervento sul posto dei Carabinieri decidendosi poi a denunciare in caserma il suo ex per stalking.

L’uomo, al termine degli accertamenti svolti dai militari della Stazione di Cuneo, è stato denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per i reati di atti persecutori, violazione di domicilio e violenza privata. Il Giudice ha poi emesso a carico dell’indagato un provvedimento di divieto di avvicinamento alla vittima con l’apposizione di un braccialetto elettronico (è la seconda volta che viene apposto in provincia di Cuneo) che, qualora si avvicini alla ex, avverte in tempo reale i militari che intervengono e, in tal caso, potrebbero anche arrestarlo.

Particolarmente significativo l’impegno dei comandi dell’Arma dei Carabinieri ubicati nella provincia di Cuneo sul fronte del contrasto al reato di stalking nel corso dell’anno 2014, alcuni dati:

75 i reati di stalking di cui si sono occupati i militari (presso alcune Stazioni Carabinieri dislocate in provincia, come in quella di Cuneo, vi è personale appositamente formato per la trattazione di questo reato, spesso si tratta di personale femminile);

6 le persone arrestate in flagranza di reato;

- 18 i soggetti sottoposti a misure alternative emesse dall’Autorità Giudiziaria in conseguenza delle indagini svolte (arresti domiciliari, divieto di avvicinamento alla vittima, obbligo di dimora, etc.);

-   60 le persone denunciate in stato di libertà per questo reato;

-   3 i soggetti sottoposti al provvedimento amministrativo dell’Ammonimento del Questore.                  

c.s.

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium