/ Attualità

Attualità | 06 aprile 2017, 14:04

Diano d'Alba culla del brand "Langa del Sole": i centri dell'Alta Langa uniti per riqualificare lo Spianamento-San Sebastiano

I centri coinvolti sono (oltre a Diano), La Morra, Montelupo Albese, Rodello, Serralunga d'Alba, Albaretto della Torre, Arguello, Benevello, Bossolasco, Lequio Berria, Serravalle Langhe, Castino, Trezzo Tinella, Niella Belbo, San Benedetto Belbo, Mombarcaro e Paroldo

Diano d'Alba culla del brand "Langa del Sole": i centri dell'Alta Langa uniti per riqualificare lo Spianamento-San Sebastiano

A Diano d'Alba, come capofila, si sono uniti sedici Comuni di Langa e Alta Langa per condividere un'idea, un progetto. Soltanto per questa "unione d'intenti", le Amministrazioni hanno compiuto un'azione unica nella storia di questo territorio, generando nuovo entusiasmo, aprendo inediti orizzonti, evidenziando e corroborando amicizie.

La Morra, Montelupo Albese, Rodello, Serralunga d'Alba, Albaretto della Torre, Arguello, Benevello, Bossolasco, Lequio Berria, Serravalle Langhe, Castino, Trezzo Tinella, Niella Belbo, San Benedetto Belbo, Mombarcaro, Paroldo, insieme a Diano d'Alba, desiderano rappresentare a tutti, ovunque, le meraviglie che li caratterizzano, riassumendole in un brand, ovvero "Langa del Sole".

Partendo dallo "Spianamento-San Sebastiano" di Diano, inteso come "Ianua editi loci — la porta dei luoghi alti, dell'Alta Langa", si è voluto evidenziare un percorso turistico che attraversa e coinvolge i precitati Comuni. Quella Langa dal clima sempre favorevole, fresco d'estate e non troppo rigido d'inverno, quel territorio che parte dai luoghi dell'UNESCO, dalle vigne da cui nascono grandi vini, snodandosi poi su strade di costa verso, per l'appunto, i "luoghi alti", che offrono ambienti spesso ancora intonsi, panorami mozzafiato, attraversando paesi caratteristici ricchi di storia, monumenti, di cultura, e umanità affascinante, come il "balun a la pantalera" o miti e paure ancora vivi nella memoria delle persone più anziane, come le "masche". I luoghi dei nostri grandi narratori, come Beppe Fenoglio, fino a giungere ai pascoli più alti, che hanno gìà il sapore dei monti. Tutto rinforzato dalla grande ospitalità delle genti e da eno-gastronomia unica e che genera grande soddisfazione per chi la sperimenta.

"Langa del Sole" comprende il restauro conservativo del parco-giardino di "Spianamento — San Sebastiano", in collaborazione con la Scuola di giardinaggio di Venaria Reale.

La palazzina e il belvedere sono esempi di patrimonio edilizio di tradizione locale, di grande interesse monumentale e paesaggistico per la Langa e l'Alta Langa. Il progetto punta al restauro conservativo di "Spianamento San Sebastiano" e l'allestimento al suo interno del Diorama delle Suggestioni dell'alta Langa, destinato alla promozione del paesaggio, della cultura, della sua economia.

"Langa del Sole" propone la valorizzazione di "Spianamento — San Sebastiano" con la costruzione di periferiche panoramiche e tematiche, info point interattivi, creando un attrattore di interesse per il percorso turistico da Alba a Ceva sulla strada panoramica di cresta, in collegamento strategico con i grandi tour della riviera ligure. In sostanza "Spianamento — San Sebastiano" inteso come punto di riferimento di partenza per la Langa e l'Alta Langa e queste ultime pronte a loro volta ad accogliere.

Il progetto "Langa del Sole", che ha destato interesse nell'Assessore alla Cultura della Regione Piemonte Antonella Parigi, nei rappresentati dei Paesaggi vitivinicoli UNESCO, nella Banca del fare, nella Scuola di giardinaggio di Venaria Reale, nel Politecnico, non si può certo riassumere in poche righe di un comunicato stampa, si propone di incentivare un flusso turistico di qualità, di visitatori attenti e consapevoli del valore di questo meraviglioso territorio.

I Comuni che hanno dato vita a "Langa del Sole", concorrono con questa idea al bando denominato "Interventi FARO", emanato dalla Fondazione CRC, con l'intento di ottenere risorse economiche che permettano un fattivo e soprattutto rapido decollo dell'iniziativa. La più viva speranza è comunque che l'dea sia tenuta in futuro costantemente in considerazione, vista come opportunità di sviluppo di un intero, grande, meraviglioso territorio che merita di essere al centro dell'attenzione così come lo sono altri, già da tempo.

c.s.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium