/ Saluzzese

Saluzzese | 03 maggio 2017, 12:00

A Saluzzo su 33mila ingressi ai musei solo in 16mila pagano il biglietto

L’assessore alla Cultura Roberto Pignatta: “A noi interessa che la gente entri nei nostri musei, anche perché le cifre che derivano dagli ingressi non ci cambiano il bilancio comunale”

Scorcio notturno su Casa Cavassa

Scorcio notturno su Casa Cavassa

Più della metà dei visitatori dei musei di Saluzzo non pagano l’ingresso.

Il dato è emerso nell’ultima seduta del Consiglio comunale, trattando i temi di bilancio, evidenziato dal capogruppo di opposizione Carlo Savio.

Su oltre 33mila persone, solo 16mila, quindi meno della metà, hanno pagato il biglietto.

Quali sono i motivi di così tanti ingressi omaggio?” si è chiesto l’avvocato saluzzese.

La risposta è giunta dall’assessore competente alla Cultura, Roberto Pignatta. “Molti dei giorni di apertura dei musei – ha illustrato – sono straordinarie ed avvengono in concomitanza con eventi a carattere nazionale o internazionale, come la ‘Giornata del Museo’, dove l’ingresso è gratuito.

Rispetto al 2015, comunque, il trend dei pagamenti è in aumento. A noi interessa che la gente entri nei nostri musei, anche perché le cifre che derivano dagli ingressi non ci cambiano il bilancio comunale. Non sono tali nemmeno da coprire i costi di gestione, così come avviene per larga parte dei musei”.

Sulla questione è intervenuta anche Daniela Contin (opposizione): “Condivido che la differenza non sia così significativa e che al tempo stesso contribuisca alla crescita dei musei. Occorre però creare un sistema di monitoraggio della provenienza dei turisti”.

Mi pare che si stia già facendo – ha concluso Pignatta – però posso ulteriormente verificare, è un’osservazione corretta”.

Nicolò Bertola

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium