/ Saluzzese

Saluzzese | 28 luglio 2017, 11:03

Dall’accordo sul “Sistema Neve” un’opportunità imperdibile per le valli cuneesi

Roberto Dadone, vicesindaco di Sampeyre, delegato e portavoce delle piccole stazioni della Granda: “Se si otterranno accordi di programma pluriennali avremo davanti buone chances”

Roberto Dadone

Roberto Dadone

Roberto Dadone, vicesindaco di Sampeyre, al tavolo che ha visto riuniti più volte nei mesi passati enti pubblici e imprenditori privati, è stato il delegato e il portavoce delle piccole stazioni della Granda.

Gli abbiamo chiesto un giudizio sull’accordo raggiunto la scorsa settimana con la Regione sul “Sistema Neve”.

Dadone, qual è il suo giudizio su questo accordo, visto soprattutto dall’ottica delle piccole stazioni del Cuneese?

“Considerata la situazione economica generale il giudizio è positivo. In provincia abbiamo 12 micro stazioni che insistono su sei valli cuneesi. Studi ormai assodati dicono che un euro investito nel settore ne fa ritornare da 8 a 10 per l’economia locale. Per le piccole stazioni questa opportunità era l’ultima spiaggia”.

In concreto, quali sono le cifre che verranno messe a disposizione per gli impianti delle valli Varaita e Po e con quali finalità?

“In totale la Regione ha messo a disposizione, da subito, 23 milioni di euro, 15 per gli investimenti. La cifra stanziata per le valli saluzzesi è di circa due milioni di euro, utilizzabili in larga parte per gli investimenti programmati”.

Per Sampeyre, mi pare di capire, si tratta di un’opportunità importante. Come intendete agire? Quali gli interventi che, secondo lei, si possono realizzare a medio termine?

“Come assessore alle infrastrutture sportive ho già fatto preparare un progetto per l’innevamento delle piste della seconda seggiovia e la realizzazione di due laghetti. Questa è l’unica strada per rimanere sul mercato. Dovremmo riuscire ad avviare i cantieri per fine anno e concludere i lavori per la prossima stagione 2018”.

Come vede il futuro delle piccole stazioni? Basteranno queste risorse a dare una prospettiva di medio e lungo termine agli impianti delle vallate saluzzesi?

“Se riusciremo ad ottenere accordi di programma pluriennali avremo davanti un futuro con buone chances. Le microstazioni possono offrire, oltre allo sci da discesa, scialpinismo, escursioni con racchette e sci da fondo. Il tutto a misura d’uomo e con prezzi contenuti e competitivi rispetto ai grandi comprensori sciistici.

Per la prima volta le stazioni sono state compatte nel portare avanti le richieste e in Regione abbiamo trovato come autorevole referente l’assessore cuneese Alberto Valmaggia, che ha preso a cuore le nostre istanze e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Stiamo facendo un ottimo lavoro con le stazioni della valle Po, che a breve dovrebbero portare piacevoli sorprese sia nel periodo invernale che in quello estivo”.

GpT

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium