/ Saluzzese

Saluzzese | 28 luglio 2017, 14:37

Il “viaggio” di Targatocn nella Saluzzo degli stagionali della frutta #parte1 (FOTO e VIDEO)

Siamo stati nei punti cardine interessati dal fenomeno, accompagnati dal sindaco Mauro Calderoni. Domani (sabato) proseguiremo il racconto con Alessandro Armando, referente del progetto Presidio della Caritas diocesana

Le immagini della giornata - foto PIETRO BATTISTI PHOTOGRAPHER

Le immagini della giornata - foto PIETRO BATTISTI PHOTOGRAPHER

Per raccontare le dinamiche che si celano dietro al fenomeno degli stagionali della frutta, non vi è di meglio che prendersi una giornata libera e toccare con mano le varie realtà che in questi mesi si vengono a delineare in città.

Ed è proprio ciò che Targatocn ha deciso di fare ieri, giovedì. Il nostro “viaggio” alla scoperta di questo complesso fenomeno è incominciato alle 10.30 del mattino, insieme al sindaco della città, Mauro Calderoni ed al fotografo locale Pietro Battisti, che ha realizzato gli scatti a corredo di questo articolo.

Con loro saliamo in macchina e, come prima “tappa”, ci fermiamo al Foro Boario di Saluzzo. Indubbiamente, questo è il luogo dove emergono maggiormente le criticità legate alla presenza di così tante persone in un’area che tutto può essere fuorché ospitale e dignitosa.

Qui, dove comunque sono state messe a disposizione docce, cucine, corrente elettrica e due tendoni in grado di fornire un minimo di riparo, il disagio si tocca con mano.

Passiamo a piedi in mezzo ad un improvvisato bar – una macchina del caffè appoggiata per terra – oppure ancora ad un commercio con generi di necessità. In un angolo, un maxi quadro elettrico per la ricarica dei telefoni.

Entriamo con macchine fotografiche e videocamera, il sindaco ci guida; i ragazzi preferiscono non essere ripresi in volto, ma nessuno vede di cattivo occhio la nostra presenza.

Di qui ci spostiamo al cimitero, dove il Comune ha sistemato la vecchia casa del custode utilizzata per alloggiare ragazzi con un regolare contratto di lavoro. “Per il prossimo anno – ci dice Calderoni – sistemeremo anche la parte sul retro e ne faremo un dormitorio”.

Con il sindaco, uno degli elementi che emerge sin da subito è la più volte palesata inadeguatezza degli Enti locali nell’affrontare un fenomeno di così grande portata.

Abbiamo già affrontato sforzi enormi – continua il primo cittadino – mettendo in piedi una rete di accoglienza diffusa insieme ad altri Comuni limitrofi, Caritas, Coldiretti e aziende del mondo agricolo, ma serve che il Governo decida come affrontare il problema e, conseguentemente, legiferi.

Dal punto di vista normativo, né il Comune, né i sindacati agricoli né le aziende sono competenti rispetto all’accoglienza ed all’alloggiamento di queste persone. Anzi, veramente nessuna legge stabilisce chi debba farlo, e questo è il vero problema”.

L’altro grande aspetto sul quale serve chiarezza, e dove molto spesso mancano conoscenze, è lo status di questi ragazzi presenti in città, molto spesso accumunati ai richiedenti asilo (per i quali sono previsti i 35 euro al giorno). La realtà è un'altra: chi viene a Saluzzo in cerca di lavoro ha un regolare permesso di soggiorno, senza avere però la residenza in città.

Sembra che di questa fascia di popolazione non interessi nulla a nessuno” ci viene detto.

Il nostro giro insieme al sindaco Calderoni termina qui. Decidiamo quindi di recarci in centro città, nell’isola pedonale che orbita intorno all’asse di corso Italia, dove cerchiamo di percepire l’andamento dell’opinione pubblica. Davanti alla telecamera, la gente si ferma con difficoltà. Nonostante ciò, possiamo dire che le impressioni che abbiamo raccolto sono unanimemente dirette nella stessa direzione.

Nei prossimi giorni pubblicheremo il video con le impressioni dei saluzzesi al riguardo, concordi però nell’affermare quanto sia auspicabile – e necessario – un intervento dello Stato centrale nella gestione dei flussi.

Chi davvero ci ha però fatto capire concretamente la complessità del fenomeno è Alessandro Armando, referente del progetto “Presidio” della Caritas saluzzese.

Domani, sabato 29 luglio, Targatocn continuerà il suo reportage di questa giornata.

Nel video il servizio con le interviste a Mauro Calderoni e Alessandro Armando.

Nicolò Bertola - Daniele Caponnetto

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium