/ Attualità

Attualità | 07 luglio 2018, 20:43

"Fermiamo l'emorragia di umanità: anche a Cuneo il presidio in #magliettarossa

Un centinaio di persone questa sera, sabato 7 luglio, in piazza della Costituzione per riaccendere l'umanità sul tema dell'immigrazione

"Fermiamo l'emorragia di umanità: anche a Cuneo il presidio in #magliettarossa

Un centinaio di persone hanno partecipato questa sera, sabato 7 luglio, a Cuneo al presidio in #magliettarossa "per fermare l'emorragia di umanità".

Manifestazione organizzata da Libera Cuneo "Emanuela Lou - Daniele Polimeni" e associazione Liberavoce sull'iniziativa lanciata da Don Luigi Ciotti, fondatore della rete antimafia.

"Siamo qui con una maglietta rossa per dire no al razzismo - ha dichiarato Anna Cattaneo di Libera Cuneo -. Dobbiamo ragionare in termini di umanità. I migranti non sono un'emergenza. La vera emergenza è rappresentata da corruzione, evasione e mafia".

#magliettarossa è il colore simbolicamente scelto per fermare l'emorragia di umanità che si sta allargando giorno dopo giorno sul tema dell'immigrazione. Perché rosso? Perché è il colore degli indumenti di tanti esseri umani, soprattutto bambini, mai neanche arrivati vivi là dove avrebbero voluto, alla ricerca di un futuro migliore per sé e per le proprie famiglie, lontano da guerre, povertà, ambienti mutati dai mutamenti climatici, accaparramento delle terre (landgrabbing) e sfruttamento delle persone e del Pianeta. 

Come dichiarato da don Luigi Ciotti: "Muoiono, questi bambini, mentre l’Europa gioca allo scaricabarile con il problema dell’immigrazione – cioè con la vita di migliaia di persone – e per non affrontarlo in modo politicamente degno arriva a colpevolizzare chi presta soccorsi o chi auspica un’accoglienza capace di coniugare sicurezza e solidarietà. Bisogna contrastare questa emorragia di umanità, questo cinismo dilagante alimentato dagli imprenditori della paura. L’Europa moderna non è questa. L’Europa moderna è libertà, uguaglianza, fraternità. Fermiamoci allora un giorno, sabato 7 luglio, e indossiamo tutti una maglietta, un indumento rosso, come quei bambini. Perché mettersi nei panni degli altri – cominciando da quelli dei bambini, che sono patrimonio dell’umanità – è il primo passo per costruire un mondo più giusto, dove riconoscersi diversi come persone e uguali come cittadini".


r.g.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium