/ Attualità

Attualità | 31 agosto 2018, 12:49

La pista di sci di fondo e ciclismo di Cuneo sarà venduta per 80 euro: smantellarla ne costerebbe 12mila

Due le società che ne hanno fatto richiesta. Al posto dell'impianto nascerà un percorso sensoriale, i lavori al via nel 2019

La pista di sci di fondo e ciclismo di Cuneo sarà venduta per 80 euro: smantellarla ne costerebbe 12mila

Inaugurato nel 2006, l'impianto sportivo polivalente di ciclismo e sci di fondo del Parco della Gioventù non è praticamente mai stato utilizzato. Inservibile, già a luglio 2017 era stato "restituito" al Comune di Cuneo dal Centro Sportivo Roero, che lo aveva in gestione assieme alla piscina e ai campi da tennis.

L'impianto verrà trasformato in un percorso sensoriale nell'ambito del progetto “NAT.SENS Naturalmente a spasso con i sensi” cofinanziato dall’Unione Europea con il programma Interreg V-A Italia Francia ALCOTRA 2014/2020.

Si tratta di percorsi sempre più diffusi, da fare normalmente a piedi scalzi, per un contatto diretto con la natura. Lo stanziamento ottenuto è di circa 200mila euro e i lavori inizieranno nel 2019. 

Che ne sarà, invece, della pista? Smantellarla costerebbe ben 12mila euro; il Comune, invece, ne ricaverà 80. Come? Vendendola. Il Settore Lavori Pubblici e Ambiente ha suddiviso la superficie complessiva di mq. 1.500 in lotti di mq. 300 del valore di € 10,00 ciascuno più oneri.

Li hanno acquistati due società: la Dodonix s.n.c. gestore della località turistica “Pian Munè”, che ne ha chiesti 1.200 e pagato al Comune € 50,00;

la "Valle Pesio Servizi” ne ha acquistati mq. 300 e pagato al Comune di € 30,00. In definitiva, quindi, la pista costruita nel 2006 per le Olimpiadi invernali, finirà così: smantellata, con un ricavo totale di 80 euro. 

Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium