/ Attualità

Attualità | 29 ottobre 2018, 08:00

Cherasco sistemerà l'Arco del Belvedere e il viale che porta ai Bastioni

Investimento da 217mila euro. Prevista anche la ripavimentazione dell'ultimo tratto di via Vittorio Emanuele II e dell'area verde che affianca il corso

L'Arco del Belvedere, tra i simboli della Città delle Paci

L'Arco del Belvedere, tra i simboli della Città delle Paci

L'Amministrazione cheraschese ha dato il proprio via libera a un intervento che consentirà di mettere mano a uno dei simboli della Città delle Paci: l'Arco del Belvedere, detto anche della Madonna del Rosario.

Nei giorni scorsi la Giunta guidata dal sindaco Claudio Bogetti ha approvato il progetto redatto dall'architetto Marialuce Reyneri di Lagnasco che, con l'intervento di pulizia e sistemazione della parte posteriore, permetterà di far tornare il manufatto all'antico splendore.

L'Arco, il cui inizio di costruzione è datato 1668, venne inaugurato solo un ventennio dopo, il 9 maggio 1688, con una grande festa che culminò nell'incoronazione della Madonna del Rosario a regina di Cherasco.

L'Arco fu costruito come ex voto dai cittadini che vi contribuirono sia economicamente che lavorando in qualità di operai. Proprio per questo motivo, il lavoro di maestranze non qualificate, la costruzione durò a lungo e il progetto iniziale subì alcune modifiche.

Dall'arco del Belvedere parte l'ultimo tratto di via Vittorio Emanuele II. Anche questo segmento viario sarà oggetto di restyling: al posto dell'asfalto, nella parte centrale saranno posizionate pietre che meglio si inseriscono nello scenario.

Il viale è delimitato dagli ulivi della pace, piantati in occasione dei vari gemellaggi: uno per ogni città “amica” di Cherasco. Anche l'area verde che accompagna il viale sarà oggetto di sistemazione.

Complessivamente il costo dell'opera è di 217mila euro, parte dei quali coperti da contributo della Fondazione Crc, mentre la partenza dei lavori è prevista per la primavera.

"Con questo intervento – spiega il primo cittadino – andiamo a completare il restyling del centro storico che ha visto negli anni scorsi la sistemazione dell'area verde della Madonnina, il recupero e apertura al pubblico dell'Antico Orto dei Padri Somaschi, e importanti interventi sui percorsi del commercio che hanno non solo cambiato volto alle strade, ma anche agli arredi urbani".

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium