/ Bra e Roero

Bra e Roero | 29 dicembre 2018, 17:29

Bra, grande risposta di fede in occasione del 682° anniversario dell’Apparizione della Madonna dei Fiori (FOTO)

La festa del 29 dicembre è stata preceduta dall’inaugurazione del pronao e del portale bronzeo del Santuario nuovo

Bra, grande risposta di fede in occasione del 682° anniversario dell’Apparizione della Madonna dei Fiori (FOTO)

Memoria storica del giorno dedicato all’apparizione della Vergine Maria in difesa di una donna e liturgia offerta a tutte le donne che ancora oggi sono vittime di violenza.

Queste le dimensioni che hanno animato la Santa Messa celebrata al Santuario della Madonna dei Fiori di Bra nella solennità del 29 dicembre.

La celebrazione eucaristica per il 682° anniversario dell’Apparizione è stata presieduta da Monsignor Marco Prastaro, che è stato coadiuvato dal rettore del Santuario, don GianCarlo Avataneo e da tutto il clero cittadino, guidato dai parroci, don Gilberto Garrone e don Giorgio Garrone.

Maria ha salvato una donna dalla violenza, ma ci sono tante donne che ancora oggi sono aggredite, perseguitate e questo è brutto. Tuttavia, nella storia riconosciamo i momenti in cui il Signore interviene con la sua difesa. Ciò che fa la differenza nella vita è la fede in un Dio potente nell’amore, che è un padre buono, capace di tutto. Le sorti dell’umanità sono nelle mani di Dio, è sua l’ultima parola sulla vita degli uomini. Entrare in un luogo di preghiera, in cui è successo qualcosa di eccezionale, che si rinnova ogni anno, come questo pruno che mette il fiore fuori stagione, ci insegna che Dio compie ciò che è impossibile all’uomo. Impariamo dalla Madonna ad abbandonarci al Signore”. È stato questo il messaggio che il vescovo di Asti ha consegnato all’immensa platea di fedeli e autorità, che hanno assistito ai sacri riti in perfetta devozione, complice il clima di spiritualità suscitato dai canti proposti dal coro interparrocchiale.

Non è mancato il commosso ricordo a don Sergio Boarino, l’ex rettore del Santuario da poco scomparso, che tanto si è speso per la realizzazione di un’opera meravigliosa per gli occhi e per lo spirito.

La solenne funzione è stata preceduta da un momento di preghiera proprio dinanzi al mosaico del pronao ed al nuovo portone in bronzo del Santuario a cui Monsignor Prastaro ha impartito una benedizione speciale con un rametto fiorito del famoso pruneto. Santuario gremito anche nei giorni del Triduo di preghiera che si tiene ogni anno e ricorda gli eventi miracolosi avvenuti dopo l’apparizione Mariana del 1336 ad una giovane prossima al parto, Egidia Mathis. Masnadieri messi in fuga da una folgorante luce e pruno fiorito in pieno inverno. A distanza di quasi sette secoli, la tradizione rimane la stessa, con i fiori a far da corona alla statua della Vergine, patrona di Bra. Spuntano bianchi sia di giorno che di notte dal profondo di questa terra piemontese, come se del Santuario fossero il segreto cuore pulsante, che batte ad ogni ora e in ogni tempo a richiamo dello spirito. Tempo coagulato in un istante di un giorno di sole straordinario. 

Silvia Gullino

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium