/ Attualità

Attualità | 30 marzo 2019, 18:38

"Che fine ha fatto il 'nuovo' piano regolatore di Mondovì?": interrogazione al sindaco

A domandarlo sono i consiglieri comunali di minoranza Stefano Tarolli e Paolo Magnino, che ricordano come la variante generale di revisione fosse uno dei punti cardine del programma elettorale di ciascun candidato in occasione delle elezioni del 2017

"Che fine ha fatto il 'nuovo' piano regolatore di Mondovì?": interrogazione al sindaco

"Quando l'amministrazione Adriano intende portare in Consiglio comunale la proposta tecnica del progetto preliminare della variante generale di revisione del piano regolatore di Mondovì? E quando verrà apposta la cosiddetta 'clausola di salvaguardia'?".

Il duplice quesito giunge per bocca dei consiglieri comunali di minoranza Stefano Tarolli ("Mondovì a Colori") e Paolo Magnino (PD), i quali hanno depositato in municipio un'apposita interrogazione sull'argomento, alla quale sarà fornita risposta in occasione della prossima seduta consiliare.

"Il piano regolatore di Mondovì - spiegano i due - è oggetto di una variante generale di revisione e la proposta tecnica del progetto preliminare, prima 'tappa' della variante in questione, è stata approvata in Giunta durante gli ultimi mesi dell'amministrazione Viglione, giovedì 4 maggio 2017, a cui, tuttavia, non è seguita una successiva approvazione in Consiglio comunale".

"Uno degli argomenti principali della campagna elettorale del 2017 - proseguono - era proprio quello relativo alla necessità di addivenire, in tempi veloci, al completamento della variante generale di revisione del piano regolatore, in ossequio ai principi di riduzione del consumo del suolo e riuso; ad oggi, tuttavia la proposta tecnica del progetto preliminare non è stata portata in Consiglio comunale, né si è mai discusso organicamente, in sede di Consiglio comunale, di piano regolatore".

Per completezza, riportiamo un estratto dell'intervento effettuato dal presidente del Consiglio comunale di Mondovì, Elio Tomatis, nel corso della sessione di fine 2018: "Per quanto concerne il piano regolatore, abbiamo cercato di comprendere i termini della revisione avviata dalla Giunta Viglione, chiedendo alla Regione di aprire un tavolo; non appena avremo la risposta, senza urgenza e senza ansia ci muoveremo. Gli obiettivi di quest'azione sono la riduzione del consumo del suolo, il compattamento della città, l'incentivazione al recupero degli edifici esistenti, il mantenimento del legame tra centro e frazioni in tema di finanziamenti e infrastrutture"

Alessandro Nidi

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium