/ Politica

Politica | 06 aprile 2019, 19:00

Verso le Comunali: il pilastro dello sviluppo nel programma della Lega albese

Il coordinatore Marcarino: "Vogliamo offrire nuove soluzioni per invertire la tendenza all’impoverimento generalizzato, causato dalla disoccupazione giovanile e dalla perdita di parecchie aziende"

Il coordinatore Marcarino ai banchetti della Lega albese

Il coordinatore Marcarino ai banchetti della Lega albese

Ai piedi del municipio albese la contesa per la successione dell’uscente Maurizio Marello è ormai definitivamente partita e per le varie coalizioni in campo è ormai tempo di sciorinare i programmi con i quali presentarsi di fronte all’elettorato.
Sul fronte del centrodestra tra i primi a mettere nero su bianco i propri intendimenti per i cinque anni di governo della città c’è la Lega guidata dal coordinatore cittadino Marco Marcarino, da mesi al lavoro sulla definizione del proprio ideale profilo di città futura.

"Il nostro programma – spiega Marcarino – propone agli albesi una visione di città che non si limita all’orizzonte temporale del prossimo quinquennio amministrativo, ma che è capace di andare oltre. Vogliamo offrire ad Alba, sempre più ferma e passiva negli ultimi anni, un progetto di ampio respiro e di lungo periodo, dinamico e vitale. Sono necessarie da subito misure di crescita e di sviluppo, in grado di rilanciare la città in cui viviamo, lavoriamo e trascorriamo il nostro tempo libero".

Con quali obiettivi?
"Le misure e gli strumenti che proponiamo sono pensati per generare un forte rinnovamento. Ripartendo dalla storia di Alba, dalle sue vocazioni e tradizioni, dal suo ambiente e dalla sua mobilità: senza avere il timore di percorrere strade nuove e innovative, con un occhio di riguardo all’ambiente e alla sostenibilità economica e sociale delle scelte che metteremo in campo".

Una priorità?
"Vogliamo offrire nuove soluzioni per invertire la tendenza all’impoverimento generalizzato, causato prevalentemente dalla disoccupazione giovanile, alla perdita di parecchie aziende. Fenomeni che sono, già oggi, triste realtà. In questo senso il nostro programma si basa su alcuni pilastri progettuali, vera e propria “bussola” da seguire da chiunque si ponga l’onere e l’onore di amministrare Alba nei prossimi anni. Per questo desideriamo metterlo a disposizione di tutti, per poterlo condividere ed eventualmente integrare e rafforzare, attraverso un costante e costruttivo confronto. Dopo anni di crisi economica, lavorativa e sociale, Alba deve tornare a essere una città viva, dinamica, piena di giovani che studiano e lavorano. Una realtà con un alto livello dei servizi e della qualità della vita, con un’occupazione altamente qualificata, e predisposta all’innovazione. Una città delle famiglie, dei giovani, della sicurezza e della serenità".

Altre urgenze?
"Non perdere assolutamente di vista la gestione dell’ordinario e delle necessità più quotidiane dei cittadini. Gli albesi chiedono di poter avere strade, marciapiedi, piazze e aree verdi pulite e ben curate. Di poter avere la sicurezza di uscire di casa e passeggiare per la città, anche in orari serali o notturni, senza paura o sensazione di pericolo. Famiglie e imprese, e in particolar modo quelle che hanno sofferto e stanno soffrendo in questi anni di forte crisi economica, chiedono un efficiente livello di servizi a costi contenuti e un sistema di tariffe e tasse locali equo ed equilibrato. Chiedono un’amministrazione comunale che abbia capacità di ascolto e dialogo. Un’amministrazione cui stia a cuore la comprensione delle loro difficoltà e dei loro problemi, con tempi di risposta e di risoluzione rapidi ed efficaci. Questo è il minimo che un’amministrazione comunale deve impegnarsi a fare. Solo ripartendo da queste linee guida si potrà ricreare un clima di fiducia e rispetto reciproco tra cittadini e istituzioni. Solo così, si potranno trasformare in fatti concreti, parole, idee e progetti".

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium